Una sparatoria all'aeroporto provoca morti e feriti in Florida

Cinque vittime nella zona bagagli dello scalo di Fort Lauderdale. Fermato il killer

Parlano al momento di tre morti e otto feriti le notizie che arrivano dagli Stati Uniti, dove diverse persone sono rimaste coinvolte in una sparatoria nell'area restituzione bagagli al Terminal 2 dell'aeroporto Fort Lauderdale in Florida.

Una parte dell'aeroporto è stata evacuata come misura precauzionale, con molti passeggeri spostati sulla pista d'atterraggio, e poi fatti rientrare, mentre si cerca di capire chi abbia sparato e per quale motivo.

"Tutto sembra ora calmo, ma la polizia non lascia uscire nessuno dall'aeroporto", ha twittato Ari Fleischer, ex portavoce del presidente George W Bush. Quello che sembra certo è che non si tratterebbe di terrorismo.

Un uomo armato, che indossava una maglietta con un'immagine di Star Wars, è stato fermato. Si chiamerebbe Esteban Santiago l'uomo che ha sparato, uccidendo diverse persone, un militare di 26 anni. Lo hanno riferito Ncb News e Msnbc.

"Non abbiamo conferma di alcuna seconda sparatoria", ha dichiarato alla stampa lo sceriffo locale, Scott Israel, dopo che la notizia di un altro uomo armato si era diffusa.

"Monitorando la terribile situazione in Florida - ha scritto su twitter il neo presidente Donald Trump -. Ho appena parlato con il governatore Scott. Pensieri e preghiere per tutti. State al sicuro".

Commenti

venco

Ven, 06/01/2017 - 20:31

In America è cosi, quando uno e arrabbiato o stanco di vivere fa una sparatoria

Libero1

Ven, 06/01/2017 - 20:45

L'ultimo regalo per il corvo prima che se ne vada fuori dalle .....

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 06/01/2017 - 21:06

Dovremo cambiare la preghiera del Padre nostro: "Dacci oggi la nostra strage quotidiana". Il problema è che ci sono troppi pazzi in libera circolazione. Ci sono due cose da riaprire subito: casini e manicomi.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 06/01/2017 - 21:11

----armi per tutti evvaiiii---pure ai twisted boys--perchè l'amerca è democratica

manfredog

Ven, 06/01/2017 - 21:15

..invece, in Italia, ammazza la moglie..!! mg.

Gianca59

Sab, 07/01/2017 - 06:29

Certo che gli americani so forti....Per andare la devi sottoporti alle domande per ottenere l Esta....vogliono sapere da te di tutto e di più e per ultimo ti chiedono pure di rinunciare ai tuoi diritti. Tra le tante domande ti chiedono se hai problemi mentali. Uno si sente così anche tutelato...per modo di dire. Dopodiché un mezzo squilibrato lo fanno circolare in USA con lun arma al seguito e con le conseguenze che vediamo. E nel passato ne abbiamo viste anche peggio .....

levy

Sab, 07/01/2017 - 09:26

Eseban Santiago, l'autore della sparatoria era sotto il controllo mentale ad opera di agenzie della "US intelligence" ed era sottoposto sempre da agenti dell FBI a sedute dove doveva guardare video di esecuzioni dell'isis e gli venivano somministrati farmaci, nonostante avesse problemi mentali noti a tutti gli venne dato il permesso di portare l'arma e molte altre cose ancora che, chi vuole capire le cause ed il fine di queste sparatorie dovrebbe sapere.

Albius50

Sab, 07/01/2017 - 12:02

Eseban Santiago uno dei tanti KUNTAKINTEN che servono soprattutto ai BUONI E RICCHI AMERICANI (tanti DEMOCRATICI) perché l'originale USA sta scomparendo e quindi gli viene proposto LA CITTADINANZA USA se si arruola nell'esercito e va all'estero a spargere ZIZZANIA in nome di un illusoria pace mondiale e se rientrano sono da CONTROLLO MENTALE.