Spia russa avvelenata in Gran Bretagna, ​Macron si allinea con la May

Dopo aver parlato al telefono con la premier britannica Macron ha sposato la convinzione di Londra che ci sia Mosca dietro l’avvelenamento con gas nervino dell’ex spia russa in Gran Bretagna

Lo scontro tra Mosca e Londra è totale dopo il caso dell'ex spia russa avvelenata sul suolo britannico, insieme alla figlia e a un poliziotto. Theresa May non ha dubbi: "A Salisbury c'è stato un uso illegale della forza, siamo stati aggrediti dalla Russia". Immediata la reazione del Cremlino: "Le parole della premier una provocazione senza precedenti". Il Regno Unito ha espulso 23 funzionari russi. Previste, inoltre, altre misure di ritorsione: i beni di proprietà russa, ad esempio, potranno essere congelati, e verranno intensificati i controlli su tutti i voli provenienti dalla Russia. Altre misure, invece, resteranno segrete per motivi di sicurezza: possibili attività di "cyberguerra" per rispondere agli attacchi.

Della delicata questione si parla anche al Palazzo di Vetro. Jonathan Allen, ambasciatore britannico alle Nazioni Unite, in una riunione del Consiglio di Sicurezza ha definito l'avvelenamento dell'ex spia russa quanto una "violazione dell'articolo 2 della Carta delle Nazioni Unite", un "attacco sul suolo inglese". Poi ha chiesto all'organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, di compiere le necessarie verifiche su quanto accaduto. Gli Stati Uniti hanno espresso solidarietà al Regno Unito. Secondo quanto dichiarato dalla Casa Bianca, l’avvelenamento rientra in un quadro di "azioni di disprezzo dell’ordine internazionale da parte della Russia che mina la sovranità di altri Paesi e tenta di sovvertire e screditare le istituzioni e il processo diplomatico occidentale"

Il presidente francese, Emmanuel Macron, dopo aver parlato al telefono con la premier britannica, ha sposato la convinzione di Londra che ci sia Mosca dietro l’avvelenamento con gas nervino dell’ex spia. Una posizione più decisa rispetto a quella avuta finora. Nella conversazione odierna, Macron ha convenuto con la May che "non c’è altra spiegazione plausibile" per quanto avvenuto. "Dall’inizio della settimana, la Gran Bretagna ha tenuto la Francia costantemente informata delle prove raccolte dagli investigatori e degli elementi che dimostrano la responsabilità russa nell’attacco", ha ricordato l’Eliseo, sottolineando che "la Francia condivide l’affermazione britannica che non ci sia altra spiegazione plausibile e rinnova la sua solidarietà al suo alleato. Macron e May hanno convenuto sull’importanza dell’unità europea e transatlantica nella risposta a questo avvenimento" e "resteranno in stretto contatto nei prossimi giorni". Macron ha poi fatto sapere che "nei prossimi giorni la Francia annuncerà le misure che intende prendere".

In un primo momento dall'Eliseo era trapelata una maggiore freddezza, con il portavoce Bejamin Griveaux che aveva osservato che "solo quando i fatti saranno provati allora sarà arrivato il momento di prendere una decisione".

Commenti

Happy1937

Gio, 15/03/2018 - 08:44

Questa volta sono d'accordo con Macron.

giovanni951

Gio, 15/03/2018 - 09:10

parlavo ieri con degli amici e sostenevo la stessa cosa. Ma alcuni sinistri pro eurabia aveva giá condannato la Russia. Prove, senza prove non si condanno nessuno.

Piut

Gio, 15/03/2018 - 09:35

E Macron, che piaccia o no (a me non piace infatti), fa nuovamente gli interessi del suo Paese...è lapalissiano chi c'è dietro a questi avvelenamenti e morti sospette, ma non puoi accusare nessuno senza prove...questo non è un film, né una serie poliziesca americana, ma la realtà...si sta giocando col fuoco!

Ritratto di SAGITT33

SAGITT33

Gio, 15/03/2018 - 11:16

Bravo Macron! Qualcuno che ragiona c'è ancora. La May dovrebbe prendersela con i suoi servizi segreti, che sembra annaspino.

VittorioMar

Gio, 15/03/2018 - 11:34

...MI SONO SBAGLIATO !...NON LO RITENEVO COSI' INTELLIGENTE E PRECURSORE !!...CI VEDIAMO IL PROSSIMO ANNO !!

fabiano199916

Gio, 15/03/2018 - 11:35

sai che novità...è ovvio che servono prove certe prima di accusare chiunque...il sospetto è che la May(povera morta di fame) voglia trovare una scusa per raccattare 4 spiccioli dalla Russia...

Cheyenne

Gio, 15/03/2018 - 11:45

ogni tanto costui dice una cosa sensata

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Gio, 15/03/2018 - 12:19

Aggiornatevi,macron si defila.

Ritratto di adl

adl

Gio, 15/03/2018 - 12:30

"A Salisbury c'è stato un uso illegale della forza, siamo stati aggrediti dalla Russia" ..............se non fosse penosa, oltre che bugiarda, sarebbe anche ridicola. Che interesse ha la Russia ad uccidere ORA, un traditore, passato al nemico da oltre 20 anni ??? Cosa ci fanno invece le forze inglesi in SIRIA, al fianco degli SGOZZATORI MODERATI, sostenuti da codesta signora dal suo amico saudita Big Satan, dal MAIN FAKE STREAM, e dalla criminale ALLEANZA OCCIDENTALE che ha invaso uno stato sovrano con la scusa di combattere l'ISIS ed ora, chissà perchè, non toglie ancora le tende.

Michele Calò

Gio, 15/03/2018 - 14:51

E guarda caso tre giorni fa gli infami USA hanno posto il ricatto alla Serbia, storicamente legata alla Russia per etnia slava, per religione, lingua e cultura: o cede la sovranità del Kosovo dominato dagli albanesi islamici oppure non avrà più accesso ad investimenti e finanziamenti UE. Ma sarà solo una diabolica coincidenza, vero schifosi massoni ashkenaziti angloamericani?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 15/03/2018 - 15:58

Macron si allinea a Rothschild, non alla May che è solo una serva come lui dei sionisti. Sion vuole naturalmente la guerra alla Russia (colpevole di aver cacciato i loro confratelli all'epoca di Eltsin e di aver posto un freno all'ISISraele in Siria e Iran)

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 15/03/2018 - 16:06

l'occidente è ormai alla mercè completa di una banda di criminali assassini. La piccola minoranza vuole la guerra. Sion non può tollerare un mondo che non sia da loro controllato completamente.

Ritratto di I1-SWL527

I1-SWL527

Ven, 16/03/2018 - 09:41

I Francesi, un popolo minato dall'alcool, dalla sifilide e dai giornalisti.(BENITO MUSSOLINI)