Stati Uniti, giovane madre partorisce gemelli e li uccide: arrestata

Sconcerto nella comunità: la 25enne Maya Caston aveva dichiarato di voler portare a termine la gravidanza e di desiderare i bambini. Dopo averli uccisi, la giovane ha chiamato i soccorsi, raccontando di aver partorito da sola a casa e che i piccoli erano nati già morti

Orrore negli Stati Uniti, dove una madre di 25 anni ha ucciso i propri figli appena nati, soffocandoli con un asciugamano. Convinta di poter evitare l'arresto, la giovane ha richiesto l'intervento dei soccorsi spiegando di aver partorito da sola a casa due gemelli nati morti. La sua storia, tuttavia, non ha convinto gli inquirenti, che hanno immediatamente avviato le indagini e sono in breve risaliti alla verità.

I fatti, secondo quanto riportato dalla stampa estera, si sono verificati lo scorso mercoledì 8 gennaio, quando gli uomini del 911 hanno raggiunto di corsa l'abitazione della 25enne, residente a Rountree Drive, nel nord di St Louis (Missouri).

All'interno della casa, i soccorritori hanno trovato i due neonati ormai deceduti. Completamente inutili i tentativi di rianimarli, per i bimbi era ormai troppo tardi. Interrogata sulla tragica vicenda, la giovane madre, Maya Caston, ha spiegato di essere entrata improvvisamente in travaglio e di aver partorito da sola in casa. I piccoli, purtroppo, erano già morti appena nati. Questa, almeno, la sua versione.

Il racconto della donna, riportato anche agli inquirenti informati della morte dei gemelli, è subito apparso poco veritiero. Secondo i referti del medico legale, infatti, i bambini non erano venuti alla luce l'8 di gennaio, bensì fra il 6 e l'8 di gennaio, ed al momento della nascita erano vivi.

Stando agli esami eseguiti sui cadaveri, infatti, i gemelli erano morti per asfissia. Il decesso, dunque, è stato subito considerato sospetto dalle autorità locali, che hanno pertanto avviato le indagini.

Ciò ha portato all'arresto della 25enne, considerata la principale responabile.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, Maya Caston avrebbe ucciso i propri figli di pochi giorni, un maschietto ed una femminuccia, premendo una coperta o un asciugamano sui loro volti. "Ha coperto la bocca ed il naso dei bambini con un asciugamano e una coperta, li ha poi nascosti e non ha chiamato i soccorsi. Di conseguenza entrambi i piccoli sono morti”, si legge nel comunicato del polizia, riportato dal “Metro”.

A destare sconcerto nella comunità il fatto che la giovane avesse deciso portare a termine la gravidanza, dichiarando di volere i bambini.

Nello stato del Missouri (Stati Uniti) vige inoltre una legge che consente alle madri che non si sentono in grado di occuparsi dei propri figli neonati di affidare il bambino ad una struttura sanitaria entro 45 giorni dal parto senza essere perseguite penalmente.

Maya Caston, dunque, aveva un scelta, eppure ha ucciso entrambi i bambini.

Accusata di omicidio e di abuso su minori, la 25enne si trova ora detenuta dietro le sbarre del carcere, in attesa di giudizio. La sua cauzione è fissata a 500mila dollari.