Svezia, ladri rubano gioielli regali. E scappano in motoscafo

Furto di due corone regali risalenti al 17esimo secolo dalla cattedrale di Strängnäs a Stoccolma

Un furto di gioielli dal valore inestimabile e una fuga rocambolesca a bordo di un motoscafo. Sembra l’inizio di uno dei film sequel di Ocean’s Eleven, interpretato da George Clooney e Brad Pitt, invece è quanto accaduto in Svezia ieri durante le prime ore del giorno.

Il bottino di questi due audaci ladri è composto da due corone regali, tempestate di pietre preziose, appartenenti al re di Svezia Carlo IX e sua moglie, la regina Cristina, risalenti al 1600, trafugate dalla cattedrale di Strängnäs, nei pressi della capitale svedese di Stoccolma.

Le autorità svedesi hanno intensificato la caccia all’uomo, ma per ora i due furfanti sembrano essere svaniti nel nulla, senza lasciare alcuna traccia dietro di sé. La fuga dei due ladri ha dell’incredibile. Dopo essere scappati a gambe levate dalla cattedrale con i gioielli in mano, i due rapinatori hanno raggiunto il vicino lago di Malaren, salpando in sella a una piccola imbarcazione.

“Sapevo immediatamente che erano dei ladri per il modo in cui si comportavano”, ha dichiarato al quotidiano svedese Aftonbladet, Tom Roswell, testimone oculare del furto alla cattedrale che si trovava a pranzare con i suoi amici nella zona al momento della rapina. “È deprecabile che la gente rubi da un edificio sacro e da un edificio storico”, ha aggiunto Roswell.

Il testimone ha affermato di aver visto due uomini correre dalla cattedrale verso un motoscafo bianco che è stato utilizzato per fuggire velocemente dal luogo del misfatto.

I gioielli regali rubati non hanno un prezzo di mercato ben definito. È, infatti, la loro unicità che li rende inestimabili, e per questo sarà anche molto difficile riuscire a “piazzarli” sul mercato nero per rivenderli. È proprio su questo punto che la polizia svedese si sta concentrando per cercare di recuperare le due corone rubate il prima possibile.