Trump ha già costruito un muro e ha chiesto il conto ai vicini

In Scozia il presidente eletto possiede un campo da golf, che ha recintato con un muro di cinque metri

Donald Trump, si sa, ama molto i muri. Ha ripetutamente promesso di innalzarne uno al confine con il Messico per tenere lontano gli immigrati ispanici, ma ora si scopre che ce ne è un altro che il tycoon ha già costruito da tempo. E che per giunta è riuscito a far pagare ai vicini.

È successo in Scozia, dove il presidente eletto degli Stati Uniti possiede un campo da golf confinante con il giardino dei vicini, i signori David e Moira Milne. Che hanno raccontato al New York Times come un giorno, rientrando a casa, abbiano trovato gli operai al lavoro per innalzare una recinzione alta cinque metri sulla linea che divide la proprietà di Trump dalla loro.

A coprire la visuale verso il mare, oltretutto, anche due file di alberi ad alto fusto. Ma la beffa delle beffe si è concretizzata quando fra la posta si sono trovati anche il conto per quei lavori che loro non avevano mai chiesto, a firma proprio del Trump Golf Club.

Tuttavia i coniugi Milne hanno immediatamente cestinato quella fattura non richiesta. E per dispetto hanno inalberato una bandiera messicana sul tetto di casa. Come a dire: "Caro Trump, costruisci pure i muri ma noi non te li pagheremo certo".

Commenti

venco

Lun, 28/11/2016 - 16:53

Uno Stato senza muri, cioè senza confini non è più tale, è un gran casino anarchico.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 28/11/2016 - 17:28

Ci sarà una norma legislativa,che in Scozia,regola questa materia?... "Trump Golf Club",fa ergere il muro,di sua iniziativa,manda la fattura a questi....Uhm!!!Qualche cosa non quadra!!

tzilighelta

Lun, 28/11/2016 - 19:20

Siccome un po me ne intendo consiglio alla signora di chiedere a Trump con quale concessione edilizia ha costruito il muro, nei paesi seri la rilascia il comune (o la contea) inoltre, tra vicini quando non si raggiunge un accordo per la costruzione del muro di confine, si può procedere anche singolarmente senza dividere le spese ma solo all'interno del proprio confine e non in mezzeria! In ogni caso devono essere rispettate le altezze massime e anche i materiali da usare in costruzione!

KatiaTcb

Mar, 29/11/2016 - 03:15

Mi sembra di leggere Repubblica. Questi articoli in formato pettegolezzo. Muri, muri, muri. Che noia! Ma se lo sanno anche i sassi che il muro al confine con il Messico era stato ideato da Bill Clinton e che Obama ha pensato fi non fare per questioni di impopolarità. A me sembra assurdo che Trump abbia fatto costruire un muro a spese dei vicini senza prima prendere accordi con loro. Si tenta di far passare per un pazzo squilibrato. E non ha nemmeno cominciato a governare. Figuriamoci come ce lo dipingeranno. Ps io so che la visuale paesaggistica non può essere coperta.

g-perri

Mar, 29/11/2016 - 10:22

Anche se questo commento è poco attinente con questo articolo, vorrei far riflettere su un fatto: Per quale motivo non è la Clinton a chiedere il riconteggio dei voti ma una terza persona? Io penso che sia consapevole di brogli commessi dal suo staff, ed un eventuale riconteggio farebbe emergere una sua sconfitta ancora maggiore rispetto a quella già nota.