Turchia: "L'Isis vuole avvelenare le fonti idriche"

I media turchi citano un documento dell'intelligence: il Califfato vuole avvelenare con batteri le acque potabili in Turchia

Bombardamenti e attentati non bastano più: ora l'Isis ci farà la guerra anche avvelenandoci l'acqua. Ne sono sicuri i media turchi che citano un documento dei servizi.

In un rapporto "confidenziale" dell’intelligence turca, sottoposto venerdì al vicegovernatore di Istanbul e svelato oggi dai media, infatti, pare che il Califfato stia pianificando di avvelenare le fonti idriche in Turchia rilasciando nelle acque potabili diveri batteri, tra cui quelli che causano la tularemia, la cosiddetta febbre dei conigli, con sintomi difficili da diagnosticare perché simili a quelli di altre influenze. Non sarebbe la prima volta - dicono - che lo Stato Islamico usa armi chimiche: lo avrebbe già fatto in alcuni attacchi in Siria e Iraq.

Annunci

Commenti
Ritratto di elkid

elkid

Gio, 21/01/2016 - 13:20

aspè- aspè---quasi quasi ci credo---aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

agosvac

Gio, 21/01/2016 - 13:30

Questo erdogan ha una fantasia incredibile: se le inventa tutte per fare dimenticare che l'isis è un suo alleato!