Gli ultimi istanti di Gheddafi ripreso un video inedito

Il rais è appena stato catturato dai ribelli, il viso è pieno di sangue. Il video è inedito e pubblicato dalla Bbc

Il filmato è stato registrato dal telefono cellulare di uno dei combattenti che hanno trascinato il dittatore a Sirte nel 2011.

Diversi sono i videoclip che riprendono il rais durante gli ultimi istanti di vita. Questo video - pubblicato dalla Bbc - è inedito. Mostra una già cattura diversa volte ma con una differente angolazione. A riprendere la scena è Ayman Almani, uno dei ribelli attivi durante la cattura di Gheddafi.

La registrazione mostrano scene frenetiche: Gheddafi è circondato da uomini armati che gridano sul cofano di un camion, pochi minuti prima di essere giustiziato. Gheddafi si rivolge a loro scuotendo le mani. Ma la scelta dei combattenti è già scritta. Il rais verrà ucciso qualche istante dopo.

Annunci
Commenti
Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 04/02/2016 - 18:58

Secondo un soggetto politico italiano dovremmo arricchirci di questa meravigliosa espressione di civiltà.

lupo1963

Gio, 04/02/2016 - 19:12

I "giovani rivoluzionari delle primavere arabe"Bestie come gli assassini di Mussolini.Gli sponsor sono gli stessi,le "democrazie"del denaro ,angloamericani ed ebrei.Per loro Norimberga non ci sara' mai.

Alessio2012

Gio, 04/02/2016 - 19:14

E' pazzesco! Hanno linciato un uomo che amava il suo popolo, senza processo, senza nulla... Nessuno della sinistra si è scandalizzato, si è indignato, niente. Ovvio... è stata proprio la sinistra a chiedere la morte di Gheddafi... e solo perché era amico di Berlusconi.

Ritratto di libere

Anonimo (non verificato)

ernestorebolledo

Gio, 04/02/2016 - 20:30

SARKOSY

nordest

Gio, 04/02/2016 - 20:41

Dobbiamo solo ringraziare Obama di questa destabilizzazione è lui il vero bandito.

Klotz1960

Gio, 04/02/2016 - 20:47

Ucciso come una bestia, senza il minimo ritegno. Un po' come l'impiccagione di Saddam Hussein, tra gente che lo insultava mentre aveva la testa nel cappio. La lunga mano della giustizia occidentale. Possiamo essere orgogliosi..... Ah, gia', ma da noi non fa effetto. Ancora si glorifica l'ignobile macelleria di Piazzale Loreto....una vergogna che ci e' rimasta addosso, come popolo. E sono molti quelli che la invocavano per Berlusconi.....

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 04/02/2016 - 20:54

Orrore. Ed è questo è il volto criminale non solo di quella feccia islamica ma anche e soprattutto della NATO. Il mondo libero, l'Asia in primis, ha già conosciuto il vero volto di Inghilterra, Francia e USA

Ritratto di Ausonio

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 04/02/2016 - 20:58

Cina e India non dimenticano i crimini dei britannici. E tutti vedono il caos che ormai gli USA, loro eredi, spargono ovunque. Il blocco angloamericano è la disgrazia dell'Europa e del mondo intero.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 04/02/2016 - 21:09

La NATO è il braccio armato del potere criminale che domina l'occidente e schiavizza tutti noi e il mondo. Nessuno di noi morirà mai nel nome del Satana angloamericano.

paviglianitum

Gio, 04/02/2016 - 22:39

ma quello lì non è mica quello che fece abbattere un boeing con più di 300 persone a bordo? ma forse è anche quello che fece uccidere il suo stesso figlio? e i cogl**nazzi piangono pure. siete criminali come lui!!!

Ritratto di Valance

Valance

Gio, 04/02/2016 - 22:48

A confronto con quelli di Piazzale Loreto, questi possono essere definiti civili. Molto civili!

Chichi

Gio, 04/02/2016 - 23:05

Non solo orrore. Questa scena suscita tanti interrogativi anche più spaventosi. 1) Valeva la pena lasciarsi trascinare dal ridanciano Sarkosy con gli eredi dei taglia testa meccanizzati, per sostituire Gheddafi con queste belve e alla fin fine, ormai, con i taglia gole dell’Isis? 2) Le decantate primavere arabe non hanno solo bruciato, come le gelate d’aprile, le rosee aspettative degli «statisti»(?) occidentali e del mammut di vetro. Hanno dato anche il via all’invasione dei cosiddetti richiedenti asilo. E l’Europa non riesce più nemmeno a leccarsi tutte le ferite che continuamente le infliggono. 3) Gli antifascisti di professione, quelli che… «il comunismo non esiste» rivivranno l’euforia di piazzale Loreto, suppongo. Sono sempre dalla parte dei vigliacchi che uccidono «un uomo morto». 4) Berlusconi aveva intessuto rapporti positivi con la Libia di Gheddafi. Chi allora lo svillaneggiava guardi questo video e rida di se stesso, se ci riesce.

rossini

Ven, 05/02/2016 - 07:47

La scena mi ricorda tanto Piazzale Loreto. Dove un'altra categoria di subumani, quella dei comunisti, è riuscita a fare addirittura peggio rispetto agli islamici.

unz

Ven, 05/02/2016 - 08:28

Gheddafi era uno dei tanti dittatori del mondo. Ma era laico e comandava lui, non i religiosi. Abbattere questi personaggi per mettere su le cosiddette repubbliche islamiche si è dimostrata follia. Gli imbecilli politicamente corretti devono realizzare che la democrazia è un traguardo di un percorso lungo e dall'esito possibile solo dopo che i cittadini abbiano maturato la convinzione essenziale che stato e religione sono cose diverse e separate. Nel mondo islamico non è così. Per inciso Gheddafi aveva dato una casa ad oltre l'80% dei libici, e il pil pro capite superava i 15000 $ annui, sceso a 5000 $ dopo la sua morte e risalito poi intorno ai 10.000 $, valore piu alto dell'africa.

linoalo1

Ven, 05/02/2016 - 08:41

E da qui inizia il tormento degli Immigrati e dell'ISIS!!!!

franco-a-trier-D

Ven, 05/02/2016 - 08:52

aveva rubinetti di oro mentre il popolo moriva di fame o in carcere massacrato.

marco.olt

Ven, 05/02/2016 - 12:56

Proprio una bella dimostrazione di civiltà e umanità questi Libici e combattenti affini, pari alle bestie più crudeli. Quattro ignoranti, invasati, incontinenti emotivi che decidono della vita altrui, del resto è noto che da quelle parti la vita altrui non conta nulla.

Chichi

Ven, 05/02/2016 - 13:55

@franco-a-trier-D: «aveva i rubinetti d'oro», come i tanti emiri e signori del petrolio del mondo islamico. In Libia però non si moriva di fame. Era un dittatore sanguinario eppure era ben voluto dalla maggioranza dei libici, perché, a conti fatti, faceva, pur con le sue stravaganze, gli interessi del proprio paese, cosa che ha sempre buone ricadute sulla cittadinanza. Non da per tutto la democrazia come la intendiamo noi (spesso anche snaturandola è rendendola nemica dei cittadini meno furbi) è praticabile. Ha bisogno di radici profonde: il meglio della cultura greco-romana, vivificata dal concetto di persona e di uguaglianza sostanziale di tutti gli esseri umani, proprio del cristianesimo. PS: nel Kuweit una povera serva indiana (probabilmente una pariah, casta degli schiavi, e per di più donna) può essere uccisa a bastonate dalla padrona, senza che questa subisca nessuna pena.