Usa, la pornostar Jessica Jaymes trovata morta in casa

Jessica Redding aveva 43 anni: è stata trovata senza vita nella sua abitazione in California, a San Fernando Valley

Un’altra morte nel mondo del porno. Jessica Jaymes, al secolo Jessica Redding, è stata trovata senza vita nella sua casa di San Fernando Valley, in California, Usa. La pornostar aveva 43 anni. A trovarla un’amica, che non aveva più notizie di lei da qualche giorno. Insospettitasi, si è recata presso il suo appartamento, facendo la scoperta.

Da quanto emerso, la statunitense sarebbe stata uccisa da un arresto cardiaco, ma non è chiaro – almeno per il momento – cosa l’abbia causato. Nell'appartamento sono stati rinvenuti numerosi farmaci: sono stati forse proprio i medicinali, assunti in quantità, a toglierle la vita. Ciò detto, non è ancora chiara del tutto la dinamica: le indagini sono in corso.

Prima di diventare pornostar – iniziò la sua carriera nel 2002, quando aveva 26 anni – era stata maestra elementare per tre anni.

Commenti

bistecca

Gio, 19/09/2019 - 14:04

Sig.ra Francone, "è stata uccisa da un arresto cardiaco". A me risulta che tutti i morti siano in arresto cardiaco; lei ha mai visto un morto con il cuore che batte?

aber

Gio, 19/09/2019 - 16:49

@bistecca: faccia una piccola ricerca sull'argomento prima di scrivere codeste stupidaggini.

rudyger

Ven, 20/09/2019 - 08:20

Certo che uno che cade dall'ultimo piano non muore per arresto cardiaco, ma uno che muore a letto durante la notte me sa de si anche se gli viene un ictus!

bistecca

Ven, 20/09/2019 - 12:00

@aber, ho passato la vita su questo argomento e le assicuro che l'arresto cardiaco è solo il momento finale, ma non è mai la causa di morte. Questa è la patologia che conduce poi all'arresto, anche se a volte non si riesce ad identificarla. Faccia Lei qualche ricerca.