Prima le vacanze estive e poi le udienze sui marò: rinvio beffa dei giudici indiani

La Corte suprema indiana ha deciso di esaminare il ricorso sui nostri fucilieri di marina a dopo le vacanze estive, che terminano l’1 luglio

L'ennesimo rinvio. Ormai quasi non fa più notizia. La Corte suprema indiana ha deciso di spostare a dopo le vacanze estive, che terminano l’1 luglio, tutti i casi iscritti oggi, compreso l’avvio della discussione del ricorso dei fucilieri di marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone contro la polizia investigativa Nia.

I giudici esamineranno quindi solo alcuni casi riguardanti la possibile applicazione della pena di morte. La decisione del presidente dell’aula n.3 della Corte Suprema, Anil R. Dave, di rinviare l’esame è stata puramente tecnica ed ha riguardato non solo il caso dei Fucilieri di Marina italiani, ma tutti i 25 che dovevano essere discussi oggi. Questo perché in una seconda lista supplementare pubblicata sul sito internet della Corte ieri sera è stato aggiunto all’ultimo momento un nuovo caso, il n.26, che si trascina da anni a vari livelli della giustizia indiana (Stato dell’Uttar Pradesh e altri contro Neeraj Chaubey ed altri) in cui gli imputati sono passibili di pena di morte.

Il giudice Dave ha deciso a questo punto di dare la precedenza all’esame di questa vicenda, rinviando tutti gli altri casi a dopo le vacanze estive della Corte (17 maggio-30 giugno 2015). E pensare che gli stessi giudici indiani, nell’udienza del 9 aprile scorso, avevano stigmatizzato le tattiche, da loro definite dilatorie, della difesa italiana per rinviare l’inizio del processo.

"Marò, ancora un rinvio in India! Basta!!! Resti in Italia Massimiliano Latorre e si faccia rientrare subito Salvatore Girone!", scrive su twitter Elio Vito (Fi) presidente della commissione Difesa di Montecitorio, che invia il tweet all’account del presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Commenti

Tuthankamon

Mar, 28/04/2015 - 10:32

Cornuti e mazziati. Siamo al ridicolo. A proposito che ne e' del mega-tempio indu' o simile che e' stato permesso al centro della pianura padana per bieco relativismo e in spregio al Cristianesimo e al buon senso??

Rossana Rossi

Mar, 28/04/2015 - 10:36

Ma il buffone fiorentino non aveva detto che la vicenda dei due poveri marò era per lui una priorità assoluta? Da qui si vede quanto è credibile......e continua una delle figure più vergognose della non-politica di questa misera italietta..........

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mar, 28/04/2015 - 10:49

Anche la "barzelletta" oggi, è vecchia di fornte a tanto. Probabilmente, a prescindere dal caso, come Popolo ci meritiamo questo!

buri

Mar, 28/04/2015 - 11:00

Soero solo che Monti non riesca pià a dormire di notte perseguitato dai fantasmo dei due poveri marò

Marcuzzo

Mar, 28/04/2015 - 11:03

Dove sta la notizia ?? Uno è già in ferie da 7 mesi per aver subito un'interventino che per la prassi medico scientifica necessità di 10 giorni di riposo prima di ritornare alle consuete attività lavorative, l'altro è in ferie perenni , servito e riverito nell'ambasciata italiana di Delhi e confortato , ogni 2 mesi , dalla visita dei parenti che si alternano nell'andarlo a trovare con relative spese a carico della collettività. Per 2 probabili Ramboman, meglio di così non potrebbe andare.

Ritratto di Caligola1973

Caligola1973

Mar, 28/04/2015 - 11:12

Una notizia da trafiletto, di basso profilo... Come mai? Ah già, non c'è più la Bonino a cui dare la colpa.

ilbelga

Mar, 28/04/2015 - 11:15

governo italiano fa schifo, e pensare che l'india li aveva mandati in italia dandoci un "assist" (come dire; teneteveli) e lo STATISTA MONTI li ha rispediti in india dove vige una giustizia da terzo mondo. che ridicoli che siamo. facciamo pena e, dir poco! comunque anche renzi è una barzelletta.

nonnoaldo

Mar, 28/04/2015 - 11:25

Ma tali Renzi, Mogherini, Gentiloni, Pinotti e compagnia cantante non avevano proclemato con enfasi che la sorte dei due nostri marò sarebbe stata per loro prioritaria? Altra balla spaziale dell'imbonitore? Tornerà sull'argomento in occasione delle regionali? se si, spero vivamente che stavolta non lo credano neppure i suoi elettori da 80 euro... anche se non lo credo.

Ritratto di mark911

mark911

Mar, 28/04/2015 - 11:34

Essendo i nostri Marò innocenti e non avendo quindi una straccio di prova che li accusi, x non perdere la faccia questi vanno avanti a rinvii ...peccato che i nostri governanti non l'abbiano ancora capito e non fanno nulla per portarli a casa!!! Evidentemente hanno pensato bene che era più importante portare a casa (a nostre spese) le due oche giulive piuttosto che i nostri soldati! Che schifo!

elalca

Mar, 28/04/2015 - 11:42

#marcuzzo: lei ha fatto il militare? se si dove? a cuneo?????????

sniper21

Mar, 28/04/2015 - 11:49

L'India aveva già risolto il caso a suo tempo mandandoci a casa per le feste natalizie i due fucilieri sperando che l'Italia nè approfittasse per non farli più tornare e l'india sarebbe uscita pulita con il suo popolo; invece il caro Monti e non si capisce per quale meccanismo li abbia fatti rientrare in India. Questi due poveracci che hanno eseguito un'ordine devono anche pagare per l'Italia attraverso gli "affari" di Finmeccanica. Monti, Letta e Renzi, tre inetti e non votati dai cittadini italiani.

antonio54

Mar, 28/04/2015 - 11:56

Questa è la prova lampante di quanto conti l'Italia in ambito internazionale. Temo che, la storia di questi due marò durerà ancora per parecchio tempo...

Marcuzzo

Mar, 28/04/2015 - 12:05

@ Elalca. Si, a Bologna. È lei !?

marcomasiero

Mar, 28/04/2015 - 12:18

la ri-ri-ri-ri-ri-prova di un GOVERNO BUFFONE, IMBELLE E CODARDO !!! in tempo di guerra un simile governo sarebbe passato per le armi.

elalca

Mar, 28/04/2015 - 12:25

A merano! resta il fatto che a Lei non ha insegnato nulla servire la patria.

paco51

Mar, 28/04/2015 - 12:27

Marcuzzo: perchè non prendi il posto loro ad eguale trattamento 3 anni in mano agli indiani? ma qualcuno che ne ha parlato recentemente lo sa? Studiare una possibilità di fuga è un obbligo morale!

NON RASSEGNATO

Mar, 28/04/2015 - 12:30

Questi giudici probabilmente si sono "formati" in Italia

Marcuzzo

Mar, 28/04/2015 - 12:55

@Elalca. Servire la patria significa difendere 2 potenziali assassini ?? Lo sarà per lei , non per me.

Marcuzzo

Mar, 28/04/2015 - 12:59

@Elalca. Servire la patria significa difendere 2 potenziali assassini ?? Lo sarà per lei , non per me !!

Marcuzzo

Mar, 28/04/2015 - 13:01

@Paco51. Io per 2 probabili assassini non penso alle possibilità di fuga degli stessi ma ad un posto dove debbono espiare il reato.

Ritratto di mark911

mark911

Mar, 28/04/2015 - 13:43

Marcuzzo ...scrivere certe cose già alle 11 del mattino vuol dire che ha iniziato a bere già la mattina presto...le consiglio di fare attenzione perché nel lungo potrebbe farle male...cordialmente

Ritratto di Overdrive

Overdrive

Mar, 28/04/2015 - 14:13

@marcuzzo... lei ha già deciso che sono potenziali assassini. Ma lei lo sa come sono andate le cose? Gliele spiego io avendole apprese da fonti indiane: i pescatori indiani usano uno stratagemma per fare soldi, si avvicinano alle navi di passaggio quasi a farsi spronare, quindi dicono di aver subito danni e si fanno pagare dalle assicurazioni. Un po come il trucco dello specchietto. Purtroppo per loro, sono stati scambiati per pirati e gli é andata male

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 28/04/2015 - 14:32

Raoul il giurista, che dice?

Marcuzzo

Mar, 28/04/2015 - 14:45

@Overdrive. Urka, si metta immediatamente a disposizione delle autorità indiane ed, alle stesse, citi senza indugio le sue credibilissime fonti.

marcomasiero

Mar, 28/04/2015 - 15:09

udite udite marcuzzo ha deciso che sono stati loro !!! almeno si informi perchè pare proprio che NON abbiano nemmeno sparato su quella barca ! e anche se fosse in zona di operazioni chi non si ferma resta colpito ergo per i due pescatori pace all' anima loro !

Marcuzzo

Mar, 28/04/2015 - 15:30

@Marcomasiero....Lo ha deciso lei che non sono stati loro ?? Mi dispiace per lei, ma sembra proprio che, invece, siano stati proprio loro. Anzi, non sembra !!! Per il resto cosa vuole che possa dialogare con lei , che, di fronte alla uccisione di 2 pescatori innocenti , non trova di meglio che affermare :" Pace all'anima loro ". Puah !!

Tuthankamon

Mar, 28/04/2015 - 15:32

I nostri sono la' in barba a tutte le leggi, gli usi e le prassi internazionali e del mare. Siamo l'unico Paese che si mette in condizioni simili. Potenziali assassini, ci andrei piano, perche' e' tutta da dimostrare. A casa erano stati mandati e a casa sarebbero dovuti restare. Ma i governi come gli ultimi 3 che abbiamo (avuto) si pagano anche cosi' ... Per quanto mi riguarda, le missioni di pace (ma de che ...!!) se le fa qualcun altro.

elalca

Mar, 28/04/2015 - 15:51

#marcuzzo: ma quale credibilità pensa possa avere uno come Lei che decreta a priori l'innocenza di 2 pescatori e condanna sempre a priori due militari? se ha prove certe informi l'alta corte indiana e vedremo cosa succederà altrimenti taccia che è meglio

Raoul Pontalti

Mar, 28/04/2015 - 16:01

E sono tutti felici e contenti: il malatino può stare in convalescenza a casa per mesi quando per i normali dipendenti non si supera la dozzina di giorni per quel particolare tipo di intervento al setto interatriale, il complice nella sparatoria continua a contare le mosche all'ambasciata retribuito con oltre 6.000 euro netti mensili a carico nostro, i giudici indiani accontentano la difesa degli intrepidi uccisori di pescatori rinviando alle calende greche un processo con condanna scontata (in dubbio essendo solo l'entità della pena), l'Italia evita ancora per un po' di trovarsi ridicolizzata in aula giudiziaria straniera per le scempiaggini politico-militari poste in essere con la trovata dei cani da guardia pubblici (per giunta male addestrati) posti a guardia di beni privati e l'India può coltivare buone speranze che i governanti italiani vogliano ricomporre la vertenza in modo civile: scuse pubbliche, accettazione della punizione dei rei, rifusione completa dei danni.

giorgiandr

Mar, 28/04/2015 - 16:07

Una cosa è certa : non vogliono fare un processo che, comunque, porterebbe ad attriti con l'Italia (e questo per loro sarebbe il meno) e con l'Europa (forse). In questo modo gli fanno espiare una pena senza una condanna formale (poi, magari, fra 20 anni li assolveranno, ma intanto sono stati imprigionati per 20 anni).

marcomasiero

Mar, 28/04/2015 - 16:55

@Marcuzzo io non decido nulla ma se fossero stati loro saremmo quantomeno davanti a dei nuovi PadrePio con il dono dell' ubiquità; esistono diverse relazioni in merito a posizioni delle navi pseudoperizie balistiche manomesse dagli indiani, pescherecci fatti sparire per evitare indagini così come i corpi frettolosamente cremati etc etc etc ... tutto materiale disponibile che potrebbe fare venire a tutti seri dubbi; tranne ovviamente ai soliti beceri anti-uniforme terzomondisti per cui noi dovremmo sempre scorpargerci il capo di cenere !

Raoul Pontalti

Mar, 28/04/2015 - 18:15

@marcomasiero da principe dei bananas riesci credere a qualsiasi monata che trovi sui siti destricoli e a riportarle come vangelo...Cominciamo dalla monata più banale: la presunta cremazione dei pescatori che invece, essendo cattolici di rito siromalabarita, in conformità alla tradizione cristiana furono inumati e tuttora riposano nelle loro tombe nel cimitero di Kollam. Il peschereccio fatto sparire in realtà affondò in porto dove era ormeggiato sotto sequestro e poi ripescato e rimesso in galleggiamento e ora si trova a marcire nel porto di Nehendakara dove arrivò con a bordo le salme dei due sfortunati pescatori che si imbatterono nella protervia unita ad imbecillità di due allucinati che si credevano i Rambo del mare mentre erano solo due sprovveduti mandati allo sbaraglio senza adeguato addestramento in mari sconosciuti. Sulla sparatoria come evento e come luogo non discutono nemmeno le autorità italiane perché lo fai Tu?

Tuthankamon

Gio, 30/04/2015 - 11:49

Purtroppo gli ultimi 3 governi (Renzi incluso) non difendono l'interesse nazionale. Questa situazione e' unica nel panorama internazionale. Nemmeno il Liechtenstein o San Marino accettano supinamente una situazione del genere.