Monicelli e la «commedia all’italiana»

Patrizia Rappazzo

Ci sarà anche Mario Monicelli, questa sera allo Spazio Oberdan per l’inaugurazione della rassegna (quindici titoli) voluta dalla Cineteca Italiana.
Riflessione a tutto campo sulla “tragicità comica“ dell'esistenza con il cinema di Monicelli, maestro della “commedia all'italiana“, quest'anno al traguardo dei suoi inossidabili e lucidissimi novant'anni.
Il via, come detto, alle 20 con la presentazione da parte del regista di Renzo e Luciana, episodio di Boccaccio ’90 tratto da un racconto di Italo Calvino. Nel corso della serata verrà proiettato L'armata Monicelli (in collaborazione con Sky Cinema): il documentario ripercorre la carriera del regista, nato a Viareggio nel 1915, a partire dagli esordi nel 1935 con I ragazzi della via Paal e alla collaborazione con Steno con cui firma la prima regia di Totò cerca casa - una delle piu belle parodie del neorealismo, interpretato da un superbo Totò - fino ai grandi successi che l'hanno reso noto a livello internazionale.
Cineasta straordinario, premiatissimo con numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali, con oltre cinquant'anni di carriera alle spalle, Mario Monicelli (Leone alla Carriera 1991), è autore di oltre sessanta di film che hanno percorso la storia del costume italiano tra cui i capolavori assoluti La grande guerra, Leone d'Oro 1960, lettura magistrale delle vicende belliche viste con gli occhi della povera gente, interpretato dal duo Sordi/ Gassman e lo struggente Totò e Carolina del ’55, distribuito con due anni di ritardo perche accusato di antimilitarismo (il 22 alle 19)
La regia monicelliana - sospesa tra l'approfondimento psicologico dei personaggi e l'uso di un registro semiserio - esprime il miglior compromesso tra il cinema d'autore e film da botteghino: ciò gli ha consentito di guadagnarsi la stima della critica e il riconoscimento e l'affetto del pubblico.
Fra i film più famosi, oltre a I soliti ignoti e L'armata Brancaleone, Amici miei , Un borghese piccolo piccolo, Romanzo popolare, Il marchese del Grillo, Facciamo paradiso, I compagni, La ragazza con la pistola. Da non perdere, infine, I sentieri della gloria (2005), viaggio con Mario Monicelli sui luoghi della Grande Guerra.