Monito Ue: Serbia collabori con Tpi

Strasburgo. Il commissario Ue all’Allargamento, Olli Rehn, ha dichiarato che «oggi la Serbia è a un crocevia» riguardo alla cooperazione con il Tribunale penale internazionale (Tpi). «Spero sinceramente che la leadership della Serbia abbia il coraggio politico di scegliere un futuro europeo piuttosto che il suo passato nazionalista», ha detto Rehn all’Europarlamento. La Commissione Ue ha minacciato di cancellare il prossimo round negoziale di associazione, previsto il 4-5 aprile, se non sarà assicurata la «piena collaborazione» con i giudici dell’Aia. In particolare, la Serbia è sotto pressione per consegnare l’ex generale serbo-bosniaco Ratko Mladic, ma Belgrado ha segnalato che l’operazione è stata resa più difficile dalla morte di Milosevic.