Una montagna (finta) tutta da scalare

Un monte artificiale su cui arrampicarsi proprio alle porte di Milano, senza bisogno di spostarsi in auto per raggiungere le Alpi. Apre i battenti Rockspot Nord Ovest, nuovo climbing center di Pero, fratello del Rockspot Sud Est di via Fantoli, aperto nel 2009 da Mirko Masè e Paco Dell'Aquila. Una delle strutture più importanti d'Europa per le arrampicate indoor, nata dall'idea dell'associazione sportiva dilettantistica Kundalini (un gruppo di amici con la passione comune per la roccia), che in appena otto mesi ha trasformato il sogno in realtà: 2500 metri quadri di spazio, più di 300 vie d'arrampicata alte fino a 17 metri e con uno sviluppo di quasi 30 metri. Il solo strapiombo centrale sporge di 16 metri, mentre l'area boulder (per arrampicate senza corda) misura nel complesso 500 metri quadri. Un insieme di pareti colorate dove sfidare i propri limiti.
«Sono rimasto a bocca aperta appena entrato - commenta l'assessore regionale allo Sport e Politiche Giovanili Antonio Rossi, presente ieri all'inaugurazione -. Questa è davvero una montagna al chiuso, altro che palestra. Il miglior modo per avvicinare i giovani a questo sport, partendo da un contesto metropolitano e facilmente accessibile». Dalle parole ai fatti, l'assessore si è cimentato in una rapida scalata senza corda di cinque metri con naturale dimestichezza, dimostrando che l'impegno politico non ha per nulla inciso sulla forma olimpionica dell'ex canoista. Non serve però essere dei campioni per provare. Al Rockspot Nord Ovest ci saranno corsi base, avanzati e lezioni individuali. Particolarmente interessanti le attività di montagnaterapia rivolte ai bambini delle scuole dell'hinterland. La tecnica, abbinata alla supervisione di personale specializzato, è particolarmente indicata al trattamento e alla prevenzione del disagio psicosociale, così come all'approccio con la disabilità fisica e mentale. «L'arrampicata - spiega Mirko Masè, alpinista e presidente di Rockspot - non è solo una semplice attività sportiva, ma una vera e propria filosofia di vita e di accrescimento per chi la pratica. Una disciplina per tutti che serve anche a relazionarsi con gli altri: bambini, giovani e famiglie». Oltre ai corsi indoor, Rockspot organizza attività di accompagnamento e insegnamento in ambiente naturale su roccia, neve o ghiaccio con esperte guide alpine. Per i più piccoli saranno a disposizione pure i campus estivi.
Non solo arrampicate però. Nel climbing center ci sono spazi multifunzionali per eventi, conferenze, feste, proiezioni e un bar-tavola fredda. In occasione dell'apertura, Rockspot ha indetto anche un concorso per writers, dal titolo «Extreme for all». Ai concorrenti vengono richieste idee per la decorazione delle pareti esterne della palestra. Chi vince avrà a disposizione un montepremi di 800 euro, oltre a 30 bombolette spray per realizzare il progetto. Basta non avere paura di salire troppo in alto...