Montagne di eternit e calcinacci nella riserva della Marcigliana

Calcinacci, discariche abusive, scocche d’auto ma soprattutto eternit in grande quantità, abbandonato sul ciglio della strada in piena riserva naturale. È la situazione in cui versa la Riserva naturale della Marcigliana secondo il capogruppo e il consigliere di An al municipio IV, rispettivamente Cristiano Bonelli e Fabrizio Bevilacqua. «Sono una quindicina le discariche abusive - denunciano - sono state avvistate circa 8 mesi fa e le prime segnalazioni le abbiamo fatte ai carabinieri, ai vigili urbani e all’Ente Roma Natura proprio allora, ma non è successo nulla».
La denuncia di ieri è la seconda iniziativa della campagna «Spedizione Pulitiva» organizzata da An in Municipio IV. «Tanto, troppo eternit», dicono i consiglieri, materiale nocivo per la salute e il territorio. Eternit sotto forma di tetto, di vecchi cassoni per la raccolta dell’acqua o ormai sbriciolato. «Qui è pericoloso - continuano i due esponenti di An - vicino c’è una fattoria di prodotti ecologici e si organizzano anche le gite scolastiche e poi le discariche abusive si trovano a 200 metri dalla sede dell’Ente Roma Natura».
Critico anche il vicepresidente del consiglio regionale di An, Bruno Prestagiovanni. «La denuncia - sottolinea - mette in luce un quadro preoccupante, una situazione d’abbandono che non può essere tollerata. È necessario che la Regione, faccia la sua parte al più presto. Mi attiverò con esposti e interrogazioni affinché la campagna “spedizione pulitiva” di An non resti isolata e possa trovare riscontri nelle istituzioni».