Montano: «Ho vinto tutto ma resto il signor Arcuri»

«Dopo le Olimpiadi ho dominato ma non conta: si parla di me solo per Manuela»

Riccardo Signori

nostro inviato a Lipsia

Caro Montano, ormai contano più le mutande che porta o come tira di sciabola?
«Non me lo dica: alla gente non interessa niente del mio sport. Conta dove vado in vacanza, con chi, se dormo col pigiama o nudo. Interessa il tutt’altro. Mi dispiace, anche se ci ho fatto l’abitudine. Ma io continuo a lavorare con impegno, ad allenarmi sei ore al giorno».
Il bello, o il brutto, della tv....
«Intendiamoci, la tv fa comodo. Ti regala esperienze frizzanti, nuove, permette di monetizzare con gli sponsor che investono su di te. Non arricchisci, ma è meglio di prima».
Eppoi diciamolo: campione olimpico, bello che buca il video e fidanzato di Manuela Arcuri, ce n’è per tutti i gusti...
«Certo, ma pensate che non girino le scatole a un attore che va in tv, e magari ha vinto l’Oscar, se non parla del suo lavoro? A me capita lo stesso. Però quando mi chiedono l’autografo e mi parlano di Olimpiadi sono stracontento, come un bambino che ha ritrovato un gioco».
Poi c’è l’effetto Arcuri....
«Se non ci fosse stata lei, forse non si sarebbe parlato così tanto di me. Tutti aspettano che cada. Parlano di sport solo per puntarti qualcosa addosso. Intendo riviste e giornaletti che fanno gossip. Un giorno mi fotograno con una sigaretta fra le labbra e leggo il titolo: campione di fumo o campione di fioretto? Non hanno azzeccato nemmeno l’arma».
Invece Montano è campione olimpico della sciabola e....
«E non ho mai fatto una stagione bella come questa. Ho vinto il campionato europeo, i Giochi del Mediterraneo. E cosa ho letto? Quattro righe. Ora mancherebbe la ciliegina del mondiale. Finora credo di aver onorato la medaglia. Ad Atene sono arrivato con la testa leggera, non immaginavo di toccare l’oro. Qui la testa è più pesante. Ho avuto la pubalgia, sono stato fermo due mesi ma, a gennaio, ho ricominciato benissimo. Mi sono rotto la mano sinistra, eppure ho vinto. Il ct Bauer, negli ultimi due mesi, mi ha concesso solo di partecipare alla trasmissione di miss Italia».
Non c’era un matrimonio in vista con la sua miss?
«Hanno inventato la data: 16 gennaio. Chissà perché? No, non mi sposo. Con Manuela stiamo bene. Un giorno mi sposerò».
Non è che Montano sia diventato più famoso della Arcuri?
«No, il suo mestiere rende di più come notorietà. A Roma non puoi fare un giro in centro senza venir assalito».
Montano, dove finirà il Montano atleta?
«Ai giochi di Pechino. Avrò trent’anni e basterà».
E dove ricomincerà il Montano uomo?
«Forse nell’azienda di mio papà, trasforma rompighiacco in yacht di lusso: navi da 75 metri. Papà vuole che me ne interessi. Sarà! Ma non sono fatto per una vita sedentaria».