A Montegranaro un mezzogiorno di fuoco

Appuntamento a mezzogiorno. La Lottomatica gioca sul parquet del PalaSavelli, ospite della Sutor Coatings Montegranaro, formazione che ha gli stessi punti (6) della squadra gestita da Nando Gentile. Che così presenta il match: «Siamo in un momento di difficoltà, ma contro Montegranaro dobbiamo mettere tutta l’energia possibile e l’intensità che sappiamo. Un successo è fondamentale per la classifica e per la nostra fiducia». Il coach campano è costretto a rinunciare all’acciaccato Gigi Datome; arruolati invece il giovane Valerio Staffieri, e con lui Angelo Gigli - che prima della partenza ha provato ad allenarsi con la squadra - e Rodrigo De La Fuente, comunque non ancora al meglio della condizione complice lo stiramento ad un polpaccio, muscolo che crea problemi anche a Touré. Quasi inutile scriverlo, il francese è indispensabile per gli schemi dei romani: è il primo rimbalzista della squadra - finora ne ha catturati 40, 10 offensivi e 30 difensivi.
Serve un blitz, un successo per il morale, per salvare la panchina di Nando Gentile e per evitare le contestazioni dei tifosi, feroci la scorsa settimana contro il tecnico e, soprattutto, contro il patron Claudio Toti. I numeri dicono che nei sei precedenti il risultato è di 3-3. Nelle tre gare giocate al PalaSavelli però, la Sutor è in vantaggio 2-1. Limitatamente ai confronti svoltisi nel mese di dicembre, Roma e Montegranaro sono sull’1-1. E nella scorsa stagione la Virtus ha vinto sia al PalaLottomatica, 88-70, che al Pala Savelli, 84-75. Infine, la solidarietà. La Virtus è testimonial, insieme all’AsRoma, dell’iniziativa «Roma scende in campo per combattere la fame nel mondo», in programma il 14 dicembre al Palalottomatica. Nell’occasione la città sarà rappresentata dai suoi protagonisti sportivi più illustri e scenderà in campo per sostenere il programma Alimentare Mondiale (Wfp) promosso dall’Onu.