Montenero Arrivano i «corsari», scontri con vigili e polizia

E alla fine, come promesso, ieri sera sono arrivati i Corsari a battagliare contro la cancellata che il Comune vuole mettere per proteggere i giardinetti di fronte al locale «Mom» di viale Monte Nero, punto di ritrovo per moltissimi giovani il mercoledì notte. I ragazzi si sono presentati con uno striscione con la scritta «Riprendiamoci i nostri spazi» e quando hanno cercato di avvicinarsi alla barriera voluta dall’amministrazione comunale gli agenti della polizia sono intervenuti con alcune cariche di alleggerimento per allontanare i ragazzi dalla zona. La serata era iniziata con i controlli delle pattuglie dei vigili urbani e con il sequestro delle birre vendute dagli abusivi. «Non mi aspetto niente di buono da questa gente - ha detto l’assessore al decoro urbano, Maurizio Cadeo -. O viviamo nel rispetto delle regole o tutti fanno quello che vogliono. Ringrazio le forze dell’ordine per il loro impegno. Credo che consoli i residenti essere in uno stato di diritto che fa rispettare le regole». Già la scorsa settimana, c’erano state tensioni con i giovani antagonisti che avevano abbattuto la recinzione appena collocata dall’amministrazione attorno alla collina verde davanti al locale. «Non vogliamo lanciare sfide - ha continuato l’assessore Cadeo -. Quello che si sta facendo è un nostro dovere in difesa dei cittadini e del rispetto della legalità e delle regole. Questi vogliono sfasciare la città». La zona in questi giorni è stata presidiata dai vigili e ieri sera anche dagli agenti della polizia. Per l’assessore, se coloro che fanno queste azioni sono «giovani impegnati nel sociale e contro la mafia, devono fermarsi e fare una riflessione. Devono avere atteggiamenti diversi. Noi - conclude Cadeo - andiamo avanti e non abbandoniamo i residenti della zona al loro destino».