Monterotondo Ancora coltelli e un altro ferito

Ancora uno studente accoltellato, ancora in una scuola. Questa volta vicino a Roma, a Monterotondo, dove un ragazzo di sedici anni ha ferito con un coltello un compagno di scuola nei bagni dell’Istituto tecnico industriale «Cardano».
L’aggressione, che ricorda quella avvenuta giovedì scorso davanti ad una scuola media a San Vittorino, nell’hinterland romano, è avvenuta ieri mattina. I due si erano dati appuntamento nel bagno della scuola per chiarire alcune incomprensioni che da tempo andavano avanti per motivi legati al rendimento scolastico e a vicende sentimentali. Proprio quest’ultimo sembra sia stato il motivo scatenante dell’aggressione. I due hanno discusso animatamente a proposito di una “figuraccia” fatta davanti ad alcune ragazze. Ma comunque, secondo i primi accertamenti, quello di ieri sarebbe stato l’epilogo di una serie di scherzi reciproci tra i due giovani, anche in presenza di amici comuni. I due ragazzi, entrambi al secondo anno, si conoscevano da tempo e l’appuntamento in bagno intorno alle 11 avrebbe dovuto essere l’occasione di un chiarimento. Uno dei due studenti, entrambi di 16 anni, ha invece estratto un coltello e ha ferito il suo compagno di scuola.
L’aggressore poco dopo avere colpito il compagno, vibrando una coltellata al collo, è stato bloccato dai carabinieri e arrestato, dopo un interrogatorio durato fino a sera, con le accuse di tentato omicidio, lesioni e porto abusivo d’arma. Il ragazzo ferito è stato colpito alla mano sinistra ed ha riportato la lesione di un tendine. Ricoverato all’ospedale di Monterotondo con una prognosi di ventuno giorni, potrebbe essere operato nei prossimi giorni alla mano. Probabilmente, hanno ipotizzato i carabinieri della compagnia di Monterotondo, è stato colpito alla mano nel tentativo di schivare il colpo al collo. Il suo compagno di classe, nella serata di ieri, è stato trasportato nel centro di prima accoglienza di via Virginia Agnelli a Roma.
Quanto al ferimento di giovedì scorso davanti ad una scuola media alla periferia della capitale, ieri mattina il giudice per le indagini preliminari del Tribunale dei minori, Debora Tripiccione, ha convalidato l’arresto ed emesso contestualmente l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per lo studente romeno di 15 anni che ha colpito al fianco con una coltellata un suo compagno di scuola. Il gip ha ritenuto quindi valido il quadro accusatorio ipotizzato dai carabinieri della compagnia di Tivoli e della stazione di San Vittorino Romano che hanno accusato lo studente di tentativo di omicidio e porto abusivo d’arma. Lo studente nella serata di ieri è stato trasferito dal centro di prima accoglienza di Roma al carcere di Casal del Marmo.