Montezemolo: "Manca coraggio per tagliare le spese"

Il presidente di Confindustria torna ad attaccare il governo, criticandone le misure in politica economica e fiscale. "Serve una politica forte e autorevole, vicina agli interessi veri dei cittadini. Camera e Senato fanno le stesse cose con un livello di produttività bassissimo"

Cortina - Dopo i continui botta e risposta in seno alla maggioranza, in materia di tasse, interviene per dire la sua il presidente di Confindustria. L'intervento di Montezemolo è di quelli che lasciano il segno. "Il tema fiscale e delle tasse è diventata un’emergenza nazionale", accusa il leader degli industriali. "Nella politica economica di questo governo ma anche in quella di molti dei governi precedenti, spicca la mancanza di coraggio di tagliare le spese improduttive. Abbiamo bisogno di decisioni perché altrimenti ho l’impressione che la situazione si farà molto difficile". Il presidente di Confindustria, intervenuto alla manifestazione "Cortina Incontra", ribadisce come occorra "riportare al centro lo stato e ritornare a parlare di valori, per questo occorre una vera riforma dello stato che vuol dire mettere mano alla costituzione". .

"Serve una politica forte e autorevole" "Noi dobbiamo uscire da questa situazione di stallo, abbiamo bisogno di una politica forte, autorevole, che decida, di una politica molto più vicina ai veri problemi dei cittadini". "Come possiamo pensare di avere un Paese - ha aggiunto - che ancora oggi ha il numero più alto di partiti in Europa e invece di diminuirli li aumenta?. Abbiamo una Camera e un Senato che fanno pressoché la stessa cosa lavorano, due giorni la settimana con un livello di produttività bassissimo". "Dobbiamo avere il coraggio rispettoso di dirle queste cose - ha insistito -. In un paese come il nostro sono i cittadini i proprietari della politica e non viceversa". "Credo - ha concluso - che la parte sana di questo Paese non ne possa più di sentire un linguaggio fuori dal mondo di tutti i giorni, nel sentire spesso gli uomini politici che si parlano tra di loro senza rendersi conto di ciò che sta avvenendo in Italia, ma soprattutto nel mondo".

Fare di più per l'Italia Il presidente di Confindustria sollecita la classe dirigente a sfoderare "meno individualismo e più rispetto". "Siamo una generazione - ha detto Montezemolo - che ha avuto la fortuna di avere molto da questo Paese. È ora di restituire qualcosa. Non possiamo vivere con il cinismo della protesta". Montezemolo ha ricordato ancora una volta che "la riforma dello Stato è fondamentale perchè chi vince le elezioni non riesce comunque a fare le riforme". "Bisogna stare attenti a certe affermazioni - ha però aggiunto - perché chi dice queste cose è tacciato di voler far politica o di fare il guastafeste".