Montezemolo: "Troppa politica allontana gli investimenti"

Berlino - Il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo, si è lamentato per l'eccessiva presenza della politica che in Italia ostacola gli investimenti e la crescita. "Ci sono troppe dichiarazioni politiche che frenano gli investimenti" ha detto Montezemolo oggi a Berlino, dove partecipa a una conferenza con i suoi colleghi degli altri Paesi del G8. "Noi non abbiamo bisogno di questo - ha aggiunto - abbiamo invece bisogno di investire, perché investire significa crescere, e la crescita significa benessere per il futuro della società".
Per l'Italia, ha sottolineato Montezemolo, la crescita è "il problema numero uno", ed è necessario "creare l'atmosfera più favorevole agli investimenti. Se si limitano gli investimenti, c'é meno competitività e quindi meno crescita. Ma noi abbiamo bisogno di maggiore competitività". Montezemo sottolineato la necessità di creare un clima favorevole agli investimenti senza porsi nell'ottica di fare "i campioni nazionali" usando messaggi politici o una sorta di 'moral suasion'. "Non importa che vengano i brasiliani o i tedeschi o altri, l'importante è attrarre investimenti", ha ribadito.

In vista del vertice del G8 di inizio giugno a Heiligendamm, Montezemolo e i capi delle organizzazioni industriali degli altri Paesi del G8 hanno firmato una dichiarazione comune in sei punti che verrà sottoposta ai capi di Stato e di governo a giugno. Nel documento si chiede ai responsabili degli otto Paesi più industrializzati di affrontare tutta una serie di tematiche economiche fondamentali per i responsabili dell' industria ai fini della crescita e del progresso. Tra i punti della dichiarazione, figurano tra gli altri la necessità di affrontare e portare a conclusione il processo di Doha, la lotta al protezionismo, la libertà degli investimenti, la difesa del clima e gli aiuti all' Africa.