Monty Roberts in cattedra a Capannelle

Mario Cappelli

Monty Roberts, trainer statunitense di fama mondiale che nella sua carriera ha allenato i plurititolati purosangue di Elisabetta II d’Inghilterra, terrà una dimostrazione del suo metodo di lavoro venerdì 20 gennaio (ore 21) presso l’Ippodromo delle Capannelle, utilizzando il tendone e la pista del Circo Togni attualmente insediato nell’impianto di via Appia Nuova. È chiamato «Join-Up» il sistema di comunicazione gestuale adottato dal maestro statunitense, frutto di molti anni di attenta osservazione. Esso è fondato su un rapporto paritetico, quindi totalmente privo di violenza o prevaricazione, che porta uomo e cavallo ad un dialogo interspecie guidato dalla reciproca fiducia. Monty a Capannelle opererà con 20 tra puledri e soggetti più anziani, dai quali verranno scelti 5 per la definitiva dimostrazione.
Ispiratore della romantica figura del cow-boy interpretato da Robert Redford ne «L’uomo che sussurrava ai cavalli» - dopo essere stato lui stesso da giovane la controfigura di celebri attori a cavallo come Charlton Heston e Liz Taylor - Monty Roberts è anche autore di libri di successo sul mondo equestre nonché conferenziere richiesto da un gran numero di multinazionali (o enti come la CIA) per corsi di management e pubbliche relazioni. Proprio nell’appuntamento romano- organizzato in collaborazione con HippoGroup - il maestro statunitense incontrerà gli studenti della facoltà di Scienze delle Comunicazioni dell’Università La Sapienza.