Monza in festa per il week-end all’autodromo

A Monza sarà sport a tutto campo. Anzi, a tutto autodromo. L’occasione è data dalla 33ª edizione del Festival dello Sport che si terrà fra domani e domenica, nel corso della quale l’area rimesse, la parabolica, l’area box, arena, piscina retro tribuna e pista del più famoso circuito automobilistico d’Italia si trasformeranno in un brulicare di visitatori e di incontri agonistici. Due i messaggi guida: promuovere il «fair play» nello Sport e avvicinare i giovani per farne dei buoni cittadini. All’occasione saranno presenti settanta società sportive del comprensorio di Monza e Brianza che esporranno e creeranno competizione con oltre seimila atleti su 80 attività sportive, dal calcetto alla pesca, dalla scherma al sumo; ma non mancheranno aeromodellismo, arti marziali, pattinaggio e boxe. Nella due giorni l’ingresso sarà gratuito. Tra i sostenitori e partner, la Sias, che gestisce l’autodromo, il Coni, Panathlon, la Regione, l’Unicef, il Comune e la nascitura provincia di Monza e Brianza. «Quest’anno – esordisce Pietro Mazzo, «patron» dell’evento e dell’Associazione società sportive monzesi – il Festival dello Sport gode di una maggior risonanza mediatica grazie a “361° gradi”, con Ramona Brivio, Giancarlo Cazzaniga e Valentina Federico. Inoltre, con Panathlon Club, voleranno aquiloni costruiti dai ragazzi fino a 15 anni». Sul «fair play» ecco il commento del vicesindaco e assessore allo Sport di Monza, Dario Allevi: «Lo sport aiuta a educare i giovani e a creare dei buoni cittadini». Gli fa eco il presidente del Coni Monza Brianza, Zoppini, il quale sottolinea che «la scuola non avvicina i giovani allo sport. Se ciò avvenisse, vi sarebbero meno fenomeni di “bullismo”, di noia e di violenza giovanile». E nelle 48 ore anche la bellezza femminile avrà la sua parte: la nazionale italiana modelle, una selezione di ragazze che operano nella moda, sfiderà a calcio la Fiamma Monza, prestigiosa squadra di calcio in rosa. Per Giammaria Italia, portavoce dell’evento, «questo Festival dimostra ancora una volta come l’autodromo possa essere non solo motori, ma di tutto e di più. Ricordo che qui giurò un contingente di alpini e il campione di ciclismo Pantani fece da apripista a duemila amatori». Nelle aree dell’autodromo si potrà entrare con i veicoli fino alle 9 del mattino, poi si dovrà parcheggiare all’esterno.