Monza, il Gran premio fa «strage» di ghisa

Il comandante costretto a telefonare a tutti gli indisposti

Manifestazione inventata dalla giunta di centrodestra e sfruttata a pieno dalla giunta di sinistra. MonzaPiù anche quest'anno fa il suo ingresso nel panorama della settimana del Gran premio. Il contenitore di eventi accompagna il periodo della corsa di Formula 1 animando le strade della città in passato abbandonate a se stesse durante la tre giorni di gare. Sino al 17 settembre arte, cultura e spettacolo «coloreranno» tutti i quartieri di Monza. Fra le novità in calendario quest'edizione anche il ritorno del maxischermo in piazza Roma, da cui si potrà assistere sia alle prove libere che alla gara, ma soprattutto del concerto di Rtl con gli ZeroAssoluto che si terrà in area Cambiaghi sabato dalle 21.
Una «festa mobile» che interesserà il centro storico, ma che si sposta anche nei quartieri. «Gli sforzi fatti vanno nel senso giusto - commenta l'assessore alla Comunicazione, Vincenzo Ascrizzi - offrendo appuntamenti sportivi, culturali e spettacoli di vario genere».
Un ruolo importante sarà rivestito dall'Urban Center e da piazza Castello (inaugurazione del sottopasso della stazione e dei nuovi servizi nell'ex scalo merci), sede del villaggio sportivo, senza diminuire la centralità di piazza Duomo che accoglierà la Festa del Volontariato. Da non perdere la mostra organizzata dagli Amici dell'Autodromo dedicata alle storiche sopraelevate e quella con protagonisti gli scatti migliori dei fotografi della Formula 1 che troveranno nell'Arengario il loro spazio espositivo. Non poteva mancare la partita a scopo benefico fra la Nazionale Piloti con il team del Grande Fratello. Il match si è giocato ieri sera allo stadio Brianteo.
Nella cornice di Cascina della Villosa, in viale Libertà, domani si terrà il concerto degli Underfolk, domenica, in via Bergamo e Pesa del lino, spazio alle bancarelle dell'antiquariato.