Monza, la sinistra fa comizi ai seggi

C’è l’assessore ds Antonio Marrazzo che al seggio di via Collodi, in quel di Monza, indica chi votare. C’è il magistrato aspirante sindaco che in altro seggio improvvisa un pistolotto sul suo impegno in Comune che secondo qualche cittadino mal si concilierebbe con il suo lavoro.
E spunta persino un diessino doc, il consigliere regionale Pippo Civati, che non ricandidato dal partito invita i suoi supporter a non votare. Fatti e misfatti del primo giorno di voto, oggi si replica dalle 7 alle 15, nei trentuno Comuni della provincia di Milano. Poi, lo spoglio e i risultati.
Intanto, Forza Italia denuncia pure Filippo Penati, inquilino dell’Istituzione di via Vivaio, che ieri ha organizzato una festa al parco Sud. «Spottone elettorale per tre Comuni del parco su sessanta. Quali? Rho, Buccinasco e San Donato dove la sinistra tenta di riconquistare il governo delle città». Come a Sesto San Giovanni dove Giorgio Oldrini, sindaco «cubano», turba il silenzio elettorale con propaganda fuori dai seggi.