Moody’s promuove Albertini

Il giro di vite contro l’evasione fiscale e la scelta di esternalizzare alcuni servizi pubblici sono gli elementi che hanno mantenuto in alto il profilo economico di Milano, contribuendo alla conferma del rating e delle prospettive future. «Le azioni positive della città sul fronte dell’evasione fiscale, combinate con misure di razionalizzazione e con l’outsourcing di alcuni servizi, hanno aiutato a mantenere una stabile, seppure ristretta, performance operativa» ha infatti commentato il senior analyst di Moody’s, Mauro Crisafulli.
Il giudizio dell’agenzia americana ha valutato positivamente inoltre l’abilità del management dell’amministrazione Albertini nello snellire le procedure di operazioni ordinarie e il forte profilo di liquidità. Nota stonata per Moody’s, l’indebitamento alto, i margini operativi stretti e gli elevati investimenti superiori al medio termine.