Moratti, avviso a Benitez: «Non mi è piaciuto nulla»

Milano Furente il presidente Massimo Moratti: «Non mi è piaciuto nulla né l’approccio nel dopo. Non abbiamo fatto abbastanza per cercare di vincere. Così non basta di certo. Non è che abbiamo subito il gioco del Milan, è che non abbiamo giocato. Il che è ancora peggio». La felicità è invece nel sorriso di Massimiliano Allegri: «Siamo andati molto bene sul piano dell’intensità e del gioco. In partenza abbiamo subito messo in difficoltà l’Inter e quando poi siamo rimasti in dieci, la squadra si è difesa in modo ordinato, concedendo solo tiri da lontano. È una vittoria meritata. Mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra che ha giocato un buon calcio e ha dato un segnale di solidità. Queste vittorie non possono che far crescere l’autostima. Per vincere le partite ci vuole sacrificio, anche se ti chiami Milan e hai grandi giocatori. Abbiamo concesso poco all’Inter e questo è un dato importante perché davanti abbiamo la qualità che ci permette di essere pericolosi da un momento all’altro. Bene anche l’equilibrio dentro il gruppo, tutti si sentono importanti, anche quelli che hanno giocato poco e questo alla fine risulterà decisivo. Questo è il Milan di tutti e voglio dedicare la vittoria a Pato e Inzaghi, soprattutto a Pippo che perderemo per tutto il campionato».
Rafa Benitez rende l’onore delle armi ai vincitori: «Il Milan ha fatto bene, ma ha fatto anche tanti falli che hanno spezzato il nostro gioco. Il rigore ha cambiato tutto e gli infortuni hanno complicato ancora di più. Gattuso era da espellere e tutto sarebbe cambiato nel primo tempo. Sei punti di distacco sono tanti, ma il campionato è lungo. Questa è una squadra che l’anno scorso ha giocato al 110% dall’inizio alla fine, quest’anno è diverso, si vede che sono un po’ spremuti. Noi abbiamo provato, ma è mancata la tranquillità. Milito ha sentito una fitta sul muscolo già infortunato e ho preferito sostituirlo. Nella ripresa abbiamo fatto girare di più la palla, cercando sbocchi sulla sinistra». E sullo scontro Materazzi-Ibra: «Matrix ha fatto un solo errore all’inizio e l’entrata dello svedese è stata davvero brutta. Il futuro? Anche i giocatori aspettano che a gennaio arrivi qualcuno di qualità».