«La Moratti dica se vuole correre»

«Dopo l’approvazione alla Camera della legge elettorale e il ritrovato clima di unità e compattezza politica nella Cdl, è quanto mai opportuno rilanciare la stategia della coalizione di centrodestra anche a Milano in vista delle elezioni per il Comune. Per questo occorre al più presto che Letizia Moratti sciolga la riserva e dichiari la sua disponibilità a candidarsi». Lo afferma Domenico Zambetti, segretario lombardo dell’Udc, che invita il ministro a far presto per evitare che «possano prendere piede avventurosi percorsi che diano a qualcuno l’alibi per corse solitarie», con il possibile esito di arrivare divisi all’appuntamento e «offrire su un piatto d’argento Palazzo Marino al “Penati di turno”». Nel caso Letizia Moratti non fosse disponibile, l’Udc potrebbe presentare «ipotesi di candidature», conclude Zambetti. Obiettivo: richiamare il consenso «anche di settori della società civile milanesi di antica tradizione riformista».