Moratti: «È diventata una vera squadra»

Il presidente loda Ibra, poi si ferma: «Basta, se no Recoba ci resta male». Mancini: «E ora a Palermo per vincere»

da Milano

Hernan Crespo. Ancora lui. «Sembrava tutto così difficile dopo le due sconfitte rimediate a inizio torneo, ci è subito toccato rincorrere questa Champions, molti non ci credevano, ma noi fin da subito avevamo detto che non era finita. Avevamo ragione: siamo riusciti a fare tre risultati positivi di seguito e ora eccoci qualificati... Adesso, magari, riusciamo pure a vincere la prossima e a concludere in testa al gruppo. Abbiamo davvero raddrizzato un torneo che si era messo male; ma adesso pensiamo al Palermo». Qualche istante e Mancini gli fa eco: «Avevamo perso due partite in cui eravamo rimasti in 10. Stankovic? Sta bene lui e sta bene tutta la squadra, Hernan decisivo. Qualificati con un turno d’anticipo? E a Monaco cercheremo di arrivare primi nel girone. Adesso pensiamo al Palermo, si va in Sicilia per vincere, questa è la nostra mentalità». Il miglior complimento gli arriva dal tecnico portoghese Paulo Bento: «Il merito di questa vittoria e del passaggio del turno è tutto dell’Inter».
Alla fine arriva Massimo Moratti. Il patron nerazzurro è raggiante e non lo nasconde. Questo è un successo che va oltre l’uno a zero, oltre il gol realizzato. Consideravo questa con lo Sporting Lisbona la partita più delicata di questo ciclo. Ero in grande apprensione prima che cominciasse la gara. Sì, abbiamo disputato una bella partita, non abbiamo sofferto mai, sono proprio soddisfatto. L’Inter stasera ha dimostrato di essere una vera squadra, compatta, unita, in cui i giocatori sono tutti legati fra loro. Si vede che adesso si sentono più sicuri. La svolta? Probabilmente nel derby, quella vittoria, l’aver saltato quell’ostacolo con facilità può averci dato sicurezza».
Poi Moratti comincia a elogiare Ibrahimovic in tutti i modi possibili e immaginabili. Finché si blocca da solo e sbotta: «Ora basta parlar bene di Ibra, altrimenti Recoba sente e ci resta male».