La Moratti e Zuccoli ad Acerra per l'inaugurazione del termovalorizzatore

Presenti alla cerimonia con il premier Silvio Berlusconi che ha acceso l'impianto e lo ha affidato al presidente del consiglio di gestione di A2A, Giuliano Zuccoli che ha detto: "A2A è ad Acerra per contribuire a risolvere, nel modo più innovativo ed efficiente
possibile, il problema dei rifiuti in Campania". La Moratti: "Qui la Milano che crede nel Sud"

Si è svolta questa mattina ad Acerra, in Campania, l’inaugurazione del nuovo termovalorizzatore. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, accompagnato dal sottosegretario alla Protezione civile Guido Bertolaso, dal sindaco di Milano, Letizia Moratti e da sei ministri, ha acceso l’impianto e lo ha affidato nelle mani del presidente del Consiglio di Gestione di A2A Giuliano Zuccoli e del suo vicepresidente Luigi Morgano.

"A2A è ad Acerra - commenta Giuliano Zuccoli - per contribuire a risolvere, nel modo più innovativo ed efficiente possibile, il problema dei rifiuti in Campania. Lo faremo con il massimo impegno, portando quei contributi di professionalità, di esperienza, di efficacia, di trasparenza, che hanno consentito ad A2A di realizzare le sue migliori iniziative nel settore energetico ed ambientale, tra le quali i due termovalorizzatori di Brescia e Milano, i maggiori in Italia, in servizio con successo rispettivamente da undici anni e da otto anni".

La Moratti: qui la Milano che crede nel Sud Parole condivise dal sindaco Letizia Moratti, presente all’evento in rappresentanza degli azionisti di maggioranza di A2A, il Comune di Brescia e quello di Milano, secondo la quale "attraverso A2A, la più grande utility italiana che abbiamo costituito da appena un anno, Milano è qui, Brescia è qui, il meglio della Lombardia è qui per contribuire a risolvere problemi che sentiamo nostri. Siamo a fianco dei cittadini campani e mettiamo al loro servizio la nostra esperienza e le nostre migliori tecnologie, riconosciute in tutto il mondo come le migliori".

L'esperienza di A2A "Con orgoglio - spiega Luigi Morgano - voglio ricordare che per le prestazioni conseguite di protezione dell’ambiente e di efficienza energetica, il termoutilizzatore di Brescia è stato premiato dalla Columbia University di New York come migliore termovalorizzatore al mondo, prevalendo sugli impianti di Malmo, Amsterdam, Londra, Vienna. E il Silla 2 Amsa a Milano non è certo da meno. A2A porterà qui ad Acerra la propria esperienza, il proprio know-how, ma farà soprattutto leva sulle capacità e sulle risorse umane della Campania". Anche per questo, A2A ha costituito un’apposita società, «Partenope Ambiente», per la gestione del Termovalorizzatore di Acerra (che utilizzerà 600.000 t/a di rifiuti, producendo energia elettrica per 200.000 famiglie) e dell’impianto di trattamento rifiuti di Caivano ed aprirà presto anche una propria sede a Napoli. Come Amministratore Delegato è stato designato Antonio Bonomo, «deus ex machina» del termovalorizzatore bresciano, Pietro Tinello come direttore tecnico, Lorenzo Spadoni come responsabile ingegneria e Armando Riccobelli in qualità di responsabile Qualità, Ambiente e Sicurezza.

"Il personale che verrà impegnato per la gestione degli impianti - aggiunge Zuccoliossia circa 150 tecnici, in prevalenza diplomati e laureati, saranno quasi tutti della zona: sono in corso le selezioni e presto avrà inizio l’attività di formazione e l’addestramento. Puntiamo molto sulla qualità delle persone e sulla loro motivazione, già i primi riscontri sono positivi: abbiamo incontrato giovani brillanti ed entusiasti. Insieme con loro, con l’Amministrazione e le Istituzioni locali e con i cittadini campani dimostreremo che il termovalorizzatore non è solo un impianto compatibile con l’ambiente, è soprattutto strumento indispensabile per difendere l’ambiente, nel quadro di un corretto sistema integrato per la gestione dei rifiuti, basato sulla raccolta differenziata e riciclaggio e sul recupero energetico dei rifiuti restanti"