La Moratti alla festa del Vidas: 25 anni al fianco di chi soffre

«Nessuno è solo. C’è Vidas. Da 25 anni vicino a chi soffre». Una nuova campagna di sensibilizzazione, testimonial il cantante Enrico Ruggeri, per celebrare un’associazione che in un quarto di secolo ha offerto a 18mila persone a Milano e in 51 Comuni della provincia assistenza «con amore e competenza, fino a una morte dignitosa e serena». Un servizio domiciliare e gratuito ai malati terminali di cancro e, da luglio, anche Casa Vidas, il più grande hospice milanese per i pazienti che, per solitudine o difficili condizioni socio-ambientali, possono essere accolti in 20 camere di degenza con servizi privati e posto letto per una persona cara.
«Siamo e sempre saremo al vostro fianco - il saluto e la promessa di nuovo aiuto del sindaco Letizia Moratti -. Il Comune già concede in comodato gratuito l’area per Casa Vidas e dà annualmente un contributo economico. Dal 2007 lo incrementeremo». Un impegno raccolto con gioia dalla fondatrice Giovanna Cavazzoni che ripercorre la storia di una «utopia ragionevole», passata da un piccolo gruppo di volontari alle attuali sei équipe socio sanitarie, 83 figure professionali specializzate in terapia del dolore e cure palliative. Un impegno economico imponente. «Tutto questo - spiega Cavazzoni - costa ogni anno 8 milioni di euro: 5.5 per l’assistenza domiciliare, 2.5 per l’hospice. Dagli enti pubblici in 25 anni sono arrivati solo il 6-8 per cento dei nostri costi, percentuale comprensiva del 2.14 offerto da Palazzo Marino». Ma Cavazzoni racconta anche dei rapporti con la Regione, «finalmente formalizzati», per l’accreditamento, minacciando di alzare la voce «se restassero lettera morta».
«Vidas - le parole del sindaco - rappresenta una realtà straordinaria, seguendo ogni anno 1.500 malati terminali e rappresenta anche un esempio, in Italia e nel mondo per i percorsi formativi, culturali, di assistenza e di aiuto anche in forme molto nuove».
Per celebrare i 25 anni, Vidas organizza una serie di nove manifestazioni: un concerto della Mahler Chamber Orchestra diretta da Claudio Abbado (31 marzo al Teatro Valli di Reggio Emilia); Letture spettacolo su testi di Gadda e Testori con Lucilla Morlacchi (11 aprile al Palazzo Visconti di Milano); I Giocatori-Spazio a Paolo Rossi (dall’8 al 27 maggio al Teatro Studio di Milano); l’Opera Teneke di Fabio Vacchi (in prima mondiale il 22 settembre alla Scala); Convegno nazionale sul tema «La Scelta» (ottobre 2007); Itinerario guidato «Bramante» (14 ottobre Milano e Vigevano); recital del violinista Shlomo Mintz (30 novembre al Dal Verme); lettura di testi di Giacomo Leopardi di Gianfranco Piacentini (30 gennaio 2008 alla Casa della Cultura); recital del pianista Radu Lupu (9 aprile 2008 all’Auditorium).
Per assistere a questi eventi e sostenere l’associazione, Vidas propone due abbonamenti, uno da 600 e uno da 900 euro.