La Moratti: "Metà del mio stipendio alle donne violentate"

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne il sindaco rivela di devolvere metà del suo stipendio allo sportello di Soccorso per le donne vittime di violenza domestica: «ogni giorno una donna si rivolge allo sportello»

In occasione della giornata contro la violenze sulle donne, che si celebra oggi, il sindaco Moratti rivela il suo impegno, nella sfera privata come in quella pubblica, per portare sostegno alle vittime. «Doveva restare una questione privata, ma è vero, metà del mio stipendio va allo sportello di Soccorso per le donne vittime di violenza domestica» rivela Letizia Moratti in un'intervista esclusiva a Donna Moderna, in edicola oggi.
Il sindaco spiega come a Milano la violenza sulle donne sia purtroppo un dramma molto diffuso: «Nonostante nell'ultimo anno i reati siano diminuiti del 16%, ogni giorno c'è una donna che si rivolge alle istituzioni perché ha subito violenza. E questo è un bilancio pesante per una città in cui, bisogna calcolare, un giorno sì e uno no si registra anche un caso di violenza domestica, la più sommersa purtroppo».
Per far fronte alle richiesta di aiuto, l'amministrazione Moratti si è data da fare cercando di dare a tutte le milanesi risposte concrete: «Alla clinica Mangiagalli, accanto allo Sportello di Soccorso violenza sessuale, da due anni ne abbiamo istituito uno per la violenza domestica, dove le vittime, donne ma anche minori, possono ottenere tutto il sostegno necessario, da quello medico-psicologico all'assistenza legale. E alloggi protetti in caso di bisogno».
Non solo assistenza, però. Palazzo Marino per rednere le sue cittadine più sicure ha organizzato dei corsi specifici per le forze dell'ordine, che aiutino gli agenti a cogliere un particolare o un indizio di una violenza subita ma magari taciuta. «Abbiamo istituito corsi di formazione specifica - aggiunge il sindaco - che hanno già coinvolto 400 uomini e donne delle forze dell'ordine». Bisogna rendere le donne anche in grado di difendersi. Ecco allora che il sindaco ricorda come Palazzo Marino sia al fianco delle vittime anche nei tribunali: «Il Comune di Milano è stato il primo in Italia a costituirsi parte civile. Abbiamo già vinto cinque cause".
Tra le varie iniziative organizzate in città in occasione della "Giornata mondiale contro la violenza sulle donne"sarà allestito un Temporary Shop organizzato da Donna Moderna, in collaborazione con PangeaProgettoItalia, il cui ricavato sarà interamente devoluto all'apertura di un fondo di microcredito per le donne in Italia.