Moratti: "Non c'è bisogno del nucleare"

Il sindaco appoggia la linea di Formigoni: le centrali nucleari non sono necessarie a Milano e dintorni

Milano - Il sindaco di Milano Letizia Moratti si schiera sul fronte dei contrari alla realizzazione di centrali nucleari in Lombardia. "Sono sulla linea del presidente Formigoni - ha detto il sindaco a margine della cerimonia di commemorazione della strage di Gorla -, no al nucleare in Lombardia! non abbiamo bisogno di impianti nucleari".
Il presidente della Lombardia Roberto Formigoni ha spiegato di essere d’accordo con la scelta del governo di tornare al nucleare visto che ora l’energia in Italia costa molto più che all’estero. Però, ha ribadito ciò che sostiene da tempo: "Ora la Lombardia ha praticamente raggiunto l’autosufficienza energetica e in questo momento non ha bisogno di centrali di alcun tipo. Quando saranno fissate le modalità per individuare i siti delle localizzazioni ne discuteremo». Quel giorno appare per ora abbastanza lontano. Sarà l’Agenzia per la Sicurezza nucleare a istituire le pratiche sui siti e ancora i suoi membri non sono stati scelti anche se oggi il sottosegretario allo Sviluppo, Stefano Saglia, e il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo hanno detto che le nomine arriveranno a breve. A capo dell’Agenzia, il presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà, vedrebbe bene un milanese come Umberto Veronesi. "Ho appreso - ha detto Podestà che è anche coordinatore regionale del Pdl - che il ministro Romani ha incontrato il professor Veronesi proponendogli di guidare l’Asn e ricevendo dal diretto interessato una sostanziale disponibilità. Auspico, quindi, una rapida e completa scelta dei componenti l’organismo".