Moratti: «Con Pisapia la città sarà da zeru tituli»

«Lo sviluppo della città? Con Giuliano Pisapia sarà da zeru tituli». Il sindaco colpisce e affonda l’avversario del centrosinistra su un tema che è il fiore all’occhiello del «Moratti one». E prende a prestito l’ormai famosa battuta dell’ex mister dell’Inter Josè Mourinho. Due linee della metropolitana in corso e altre due allungate, i grattacieli di Citylife e Porta Nuova che trasformeranno lo skyline, l’Expo che finalmente viaggia sui binari. E soprattutto il Piano di governo del territorio, che la sinistra ha cercato di bloccare in aula a colpi di ostruzionismo, prosegue la lotta con i ricorsi e Pisapia ha già avvertito che se sarà sindaco lo cambierà «radicalmente». Ma la Moratti avverte : «Senza il Piano approvato dall’attuale amministrazione ci sarebbero 700mila posti di lavoro e 29 chilometri di ferrovia in meno nei prossimi anni». Non cita le 30mila case di housing sociale o i 5 nuovi parchi da realizzare entro il 2015. «Noi - assicura - sullo sviluppo abbiamo sempre investito in maniera continuativa e proseguiremo». Per parlare di urbanistica e futuro della città targato centrodestra il sindaco ieri ha fatto un tour tra Portello, i cantieri di Citylife e la Fabbrica del vapore con l’ex sindaco Gabriele Albertini. Che ammette, «l’ho criticata su alcune cose su cui non ero d’accordo, ma sono qui come supporter e per evitare il blocco della città». Lodi su Citylife («la Moratti ha reso più bello il progetto che le avevo lasciato») e sarebbe pronto a una collaborazione esterna alla giunta, magari alla guida di un ente.