Moratti-Podestà, vertice sul Pgt: "Sciogliere i nodi in una settimana"

La seduta del Consiglio sul piano di governo del
territorio nel pomeriggio era durata solo pochi minuti, con la
maggioranza che ha fatto cadere il quorum. Eppure, la giornata politica
di Palazzo Marino è andata avanti con incontri e una
importante riunione in serata tra il sindaco e presidente della Provincia

Vertice sul Pgt a Palazzo Marino. La seduta del Consiglio comunale di Milano sul piano di governo del territorio nel pomeriggio era durata solo pochi minuti, con la maggioranza che ha fatto cadere il quorum. Eppure, la giornata politica di Palazzo Marino è andata avanti con numerosi incontri, e con una importante riunione in serata tra il sindaco Letizia Moratti e il presidente della Provincia Guido Podestà, che si sono visti in Comune dalle 19 e 30 alle 21 e 30 circa.
In discussione un tema non immediatamente all’ordine del giorno: quello legato al piano dei servizi e a quello delle regole, che ancora non sono stati affrontati in Consiglio. E Podestà avrebbe chiesto al Comune - in particolare all’assessore all’Urbanistica Carlo Masseroli - un atteggiamento meno rigido sugli emendamenti presentati dalla maggioranza.
«Abbiamo deciso un metodo di lavoro su questi due documenti», ha detto il sindaco al termine. «Sono certo che una accelerazione ci sarà. Di sicuro», ha commentato il presidente della Provincia. «Da parte di tutti - ha aggiunto - bisogna avere la disponibilità ad ascoltare il punto di vista dei colleghi e a fare ciascuno un passo verso l’altro. La situazione si sta evolvendo bene e sono ottimista che le trattative possano procedere più sollecitamente». Dalla riunione sarebbe emersa dunque l’intenzione di «chiudere la partita» all’interno del Pdl entro la prossima settimana, senza altri ritardi, per «accelerare il più possibile» l’approvazione del Pgt.
Nell’incontro si è discusso quindi il «metodo» con cui procedere nel trovare un «punto d’incontro» all’interno del Pdl, per trattare con l’opposizione. Nessun «ordine di scuderia» ai consiglieri, ma una indicazione per tutti: trovare entro la prossima settimana «un punto di incontro». «L’ordine di scuderia è accelerare», hanno detto i partecipanti.
Al vertice era presente lo stesso Masseroli, che ieri aveva discusso a lungo con una delegazione del Pd per tentare di arrivare a un primo accordo sul primo atto del Pgt, il documento di piano attualmente all’esame del consiglio comunale.