Moratti: «Rom, Amato ci ha preso in giro»

E a tempo scaduto arriva anche l’ultima beffa. Prima di lasciar le poltrone, il centro-sinistro governo Prodi si permette anche la presa in giro del cittadino milanese. Che, probabilmente, a Roma è ancora immaginato rimbambito dalla troppa polenta. E così l’ancora per poco ministro dell’Interno Giuliano Amato, rispondendo alla domanda sull’ipotesi di un commissario per la sicurezza avanzata dal neosindaco di Roma Gianni Alemanno, la combina proprio grossa. «Stavamo studiando le procedure per dare al prefetto di Milano i poteri di commissario straordinario su alcuni aspetti specifici, come i campi rom». Apriti cielo. A palazzo Marino prima strabuzzano gli occhi, poi leggono e rileggono. Proprio così. «Stavamo studiando». Ma come? «È dal settembre 2006 - replica duro il sindaco Letizia Moratti - che abbiamo condiviso con il ministro Amato l’emergenza rom a Milano». (...)