La Moratti sindaco data in vantaggio

(...) per chiacchierare anche dei sondaggi che si susseguono da quando Bruno Ferrante ha fatto outing e si è candidato a sindaco del centrosinistra. L’ultimo è di Euromedia e accredita la Moratti in vantaggio di quasi un punto sul suo avversario: 50,4 per cento contro 49,6. Un dato quanto mai provvisorio e suscettibile di miglioramento per la Moratti perché, come commenta l’istituto di ricerca, «il ministro non ha ancora sciolto la riserva sulla sua candidatura mentre l’ex prefetto di Milano ha già deciso di correre sotto le insegne dell’Unione, sfruttando quindi l’inevitabile traino dell’avvio a sorpresa della sua corsa elettorale». Numeri che rettificano anche quelli di Renato Mannheimer, che aveva misurato il mercato elettorale potenziale di Ferrante dando il prefetto in vantaggio, mentre i dati di Euromedia sono intenzioni di voto reali rilevate due giorni fa.
Il sondaggio Euromedia misura anche la forza della coalizione: il centrodestra è al 50,2 contro il 43,3 del centrosinistra, cioè in una situazione sostanzialmente uguale a quella delle regionali della scorsa primavera (Cdl 51,3, Unione 43,6). Quel che più colpisce è però lo scarto di voti tra il candidato e la coalizione che lo sostiene: Bruno Ferrante al momento porterebbe a casa sei punti in più rispetto all’Unione, contro lo 0,2 per cento della Moratti. Come dire che la base elettorale del ministro può essere ancora ampliata, magari con la costruzione di una lista civica che ospiti candidati di spicco e attragga gli ambienti di confine al momento «trascinati» da Ferrante. Una discussione che probabilmente arriverà anche a tavola.