La Moratti a Tettamanzi: «Il dialogo con l’Islam? È già cominciato»

Milano premia l’imam di via Meda con l’Ambrogino. Tettamanzi ha parlato di «emergenza dialogo» con l’Islam e del bisogno di luoghi di culto per i musulmani. La Moratti ieri lo ha citato quattro volte nel suo discorso alla città, ricordando che Milano ha già cinque luoghi di culto per loro, e richiamando tutti a «un’alleanza civile» contro la crisi.
Intanto, mentre la città è ancora scossa dagli arresti di martedì, dai responsabili delle moschee non arriva una condanna «senza se e senza ma» delle farneticazioni dei due marocchini. Prendono le distanze, ma quando si tratta di commentare le intercettazioni su possibili attentati, il giudizio non è netto: «Forse si sfogavano per problemi di lavoro» dicono in via Quaranta. «Sono si dice, ma non ci sono prove», commenta Abdallah Tchina, imam della moschea di via Padova. E intanto rilancia su una nuova moschea a Cascina Gobba.