Moratti: "Userò i poteri di commisario solo se sarà strettamente necessario"

"Sarò rigorosissima" Letizia Moratti parla così in merito ai poteri di commissario straordinario, aggiungendo che "Expo è un percorso condiviso". Formigoni: "Sicuro della promozione del Bie"

Milano - Il commissario straordinario per Expo 2015 Letizia Moratti, intervenendo a margine di Mobility Tech a Milano risponde al leader dell’Idv Antonio Di Pietro che ieri aveva parlato del rischio di un nuovo "caso Maddalena" per l’Expo di Milano: "Userò i poteri quando sarà strettamente necessario".

Condivisione Il percorso per la realizzazione di Expo "è un percorso di condivisione, lo è stato fino adesso e sempre lo sarà", ha ribadito il sindaco.

Formigoni "Sicuri che il Bie ci promuoverà". Il presidente della Regione alla vigilia dell’incontro con il Bie per Expo si mostra fiducioso. "Domani saremo tutti assieme a Parigi per rispondere a tutte le curiosità che il Bie ci manifesterà - ha detto il governatore a margine di MobilityTech in Piazza Duomo - ma siamo sicuri che il Bie, che pure ci farà un esame accurato, ci promuoverà". 

Referendum Letizia Moratti ha commentato i cinque quesiti referendari sull’ambiente proposti da "Milano Si Muove" con una raccolta firme che terminerà a novembre: "I suggerimenti che vengono dal referendum vedono l’amministrazione già impegnata". La Moratti ha quindi descritto il lavoro già messo in atto dal Comune e gli obiettivi da raggiungere: "Il trasporto pubblico in città è già aumentato, il 70% è già a trazione elettrica e investiamo più di un miliardo di euro solo come Comune in mezzi ibridi o ecologici, Ecopass sta dando risultati positivi, lavoriamo sull’allargamento della pedonalizzazione e sulla piantumazione di alberi, con 70mila già piantumati. Il pgt prevede di passare da 21 milioni di metri quadrati di verde a 50 milioni - ha concluso - Expo lascerà il più grande parco urbano d’Europa e abbiamo già collegato 250mila famiglie con il teleriscaldamento con l’obiettivo di arrivare ad averne 700mila".