La Moreira: «Conquisto con le gaffe»

Da oggi la soubrette brasiliana presenta Paperissima Sprint: «Caro Ricci, perché non mi prendi a Striscia?»

da Milano

«Antonio Ricci vuole che “parlo” ancora così perché sono divertente. Solo quando la gente si stuferà di sentirmi storpiare i verbi, allora inizierò a prendere lezioni di italiano». Insomma, uno dei motivi per cui la bellissima brasiliana Juliana Moreira è stata promossa alla conduzione di Paperissima Sprint, da stasera alle 20.35 su Canale 5, è la sua poca dimestichezza con l’italiano. A sentire Juliana, ex valletta di Teo Mammuccari nello show Cultura moderna, Antonio Ricci è convinto che la combinazione tra gaffe dei vip nei set televisivi e papere linguistiche di una sorridente conduttrice in costumino che improvvisa crasi tra parole italiane e portoghesi sia fonte certa di risate e di ascolti: «Ma io per questo debutto alla conduzione sono stranervosa», continua Juliana. «Per fortuna, ci sarà il Gabibbo a farmi da maggiordomo. Lavorare assieme a lui è divertente, mi sembra di essere una bambina che gioca con i pupazzi. E poi, mi aiuta con la lingua. So che fa ridere quando sbaglio, ma io ogni tanto mi innervosisco perché non riesco a dire quello che vorrei». Paperissima Sprint è una specie di spin-off, di derivato del Paperissima condotto da Gerry Scotti e Michelle Hunziker il venerdì sera su Canale 5. «Trasmetteremo i fuori onda più divertenti di Gerry e Michelle», spiega Juliana, «e vedrete anche i filmati storici con le stranezze combinate dai bambini e dagli animali. E il mago Casanova tirerà fuori dal cilindro alcune figuracce fatte dai suoi colleghi». Sul sito di Striscia la notizia le papere saranno messe al voto, divise per categorie. «Inviteremo anche i telespettatori a inviare video fatti in casa. Il più buffo vincerà centomila euro», prosegue Juliana. E aggiunge: «Spero che Teo Mammuccari faccia un’improvvisata in trasmissione. È una persona buona, di cuore». Sul punto, Juliana non ammette contraddizioni: «Teo mi ha insegnato ad avere pazienza. Dice che le occasione non arrivano solo a chi fa l’aggressivo e il prepotente, ma anche a chi si comporta bene. Lo spero, anche perché io ho due sogni», rivela ancora la ventiseienne sudamericana. «Mi piacerebbe presentare in Italia un game per bambini, come quelli che vanno in onda in Brasile. E poi, un giorno, vorrei arrivare a condurre Striscia la notizia proprio assieme a Teo». E chissà che il vulcanico Ricci non prenda in considerazione l’autocandidatura.