Morgan pronto a tornare in Rai alla corte di Sgarbi

Questione di ore e Morgan potrebbe firmare il contratto da ospite fisso per tutte le cinque puntate de Il mio canto libero. Lui ci tiene molto, la Rai tentenna. Per Morgan sarebbe un rientro in grande stile dopo le polemiche seguite all’intervista con annesso elogio degli effetti terapeutici della cocaina. Più che rispolverare vecchi tic, l’idea degli autori di Sgarbi è far conoscere il Morgan artista, compositore, interprete di musica d’autore.
Freccero e lo staff di Obama: sembra 24 ma non lo è Lungo intervento sul manifesto firmato da Carlo Freccero con Daniela Strumia, sua moglie, sul black out della Casa Bianca relativo al blitz di Abbottabad. Freccero descrive Obama, Hillary Clinton e gli altri funzionari raccolti in visione come fosse «un episodio di 24 solo che qui è tutto vero e lo sguardo degli spettatori coincide con lo sguardo del potere». Ma le immagini restano tabù: «È difficile pensare a ingenuità comunicativa da parte dello staff dirigenziale del Paese che ha fatto dello storytelling l’arma vincente della sua propaganda».
Il compleanno di La5, dietro le sette sorelle Giovedì La5 spegne la prima candelina festeggiando oltre che un anno di vita anche l’ottavo posto nella classifica delle reti. Con un ascolto medio dell’1,24% di share h24, La5 segue La7 e precede Rai4 e Boing. Per festeggiare il compleanno, Mediaset ha realizzato 365 t-shirt destinate alle prime fan che si recheranno a Cologno, sede dell’emittente.
Niente di Personale e niente audience Ci dev’essere qualcosa che non funziona, oltre alle maniche della camicia rimboccate di Antonello Piroso, se pur avendo come ospiti il freschissimo ex dg della Rai Mauro Masi, Giampaolo Pansa, autore del saggio più corrosivo sui teleconduttori e Valter Veltroni, appena intervistato sul Foglio sulla crisi della sinistra, se Niente di Personale si ferma all’1,93% con 432mila telespettatori.
Jovanotti al Telefilm Festival Dopo l’insurrezione dei fan provocata dall’intervista a Tv Sorrisi e Canzoni in cui definiva Happy Days una «vaccata» e la successiva retromarcia riparatoria («una figata»), Jovanotti è stato ufficialmente invitato al Telefilm Festival in programma a Milano dal 26 giugno al 3 luglio. Se non sarà presente di persona, visto il tour in corso con il suo splendido Ora, potrebbe partecipare in videocollegamento via Skype.