La Moric difende Woodcock: «Non mi ha fatto pressioni»

Ma Corona insiste: «Mi raccontò lei che il pm per spingerla a collaborare le aveva parlato dei miei tradimenti»

da Milano

Si sono separati, ma lui vorrebbe tornare insieme. L’ennesima scaramuccia tra i due conferma però che ci sarà bisogno di un bel po’ di terapia di coppia prima che Nina Moric e Fabrizio Corona tornino a essere d’accordo su qualcosa. Lei prima gli rimprovera di non aver detto la verità sulle pressioni che il pm di Potenza Henry John Woodcock avrebbe esercitato su di lei durante l’interrogatorio; poi esterna il suo affetto per quell’uomo che gli ha dato «la cosa più bella del mondo, nostro figlio».
La modella croata ha scelto Matrix, lo stesso palcoscenico tv da cui Corona aveva raccontato la sua versione della vicenda, per la replica al marito. Con tutta soddisfazione di Mediaset, visto che la puntata della trasmissione di Enrico Mentana in cui è comparso Corona ha totalizzato il 37% di share, un vero e proprio boom di ascolti che l’ha portata in testa alla top ten dei programmi più visti.
«Io a Fabrizio voglio bene - ha detto Nina - credo che sia un ragazzo veramente d’oro e sono convinta della sua innocenza. Ma vorrei pregarlo di non parlare più di me in questa faccenda, perché io non ho mai cercato nulla, mi sono sempre dissociata da tutto questo mondo e vorrei rimanere così. Con tutto il cuore mi auguro che questa faccenda vada in fumo il più presto possibile». Dopo l’auspicio beneagurante, la difesa a spada tratta del pm: «Il dottor Woodcock non mi ha mai, ma proprio mai parlato di cose personali di Fabrizio, lui ha fatto una dichiarazione assolutamente falsa, non è mai accaduto niente di tutto ciò». Insomma, non è vero - come invece sostenuto da Corona - che il magistrato di Potenza avrebbe fatto riferimento ai tradimenti del marito per fare pressioni su di lei e indurla a parlare.
La replica alle frasi della modella non si è fatta attendere: «È stata la stessa Nina Moric a riferire a Fabrizio Corona che nel corso dell’interrogatorio davanti al pm Woodcock, il magistrato le avrebbe parlato di “fatti personali” dello stesso fotografo per indurla a non avvalersi della facoltà di non rispondere», ha detto l’avvocato Manuela Marcassoli. Che ha aggiunto: «Forse la signora Moric l’ha raccontato in un momento di debolezza ma Corona non se l’è di certo inventato ed è pronto a chiamare come testimone del fatto chi accompagnò a Potenza Nina Moric».