Morta in casa 9 giorni fa: attende ancora sepoltura

È morta nel sonno nella notte tra il 28 e il 29 luglio nella sua casa a Trevignano, ma a distanza di nove giorni dev’essere ancora sepolta. Per tre giorni dopo la scoperta la salma è rimasta in casa in attesa dell’autopsia richiesta dal magistrato. Il 31 luglio il corpo è stato trasferito all’ospedale di Bracciano, poi al Gemelli di Roma dove il 4 agosto è stata eseguita l’autopsia e dove tuttora si trova il corpo, mentre il cimitero di Prima Porta attende i documenti per effettuare la cremazione.