Morta la pornostar Lollipop: è giallo

Federica Gori è stata trovata morta in casa dalla madre. La ragazza era stesa sul letto con le gambe incrociate come se stesse guardando la televisione. L'ex convivente: "Morta per cause naturali". Oggi l'autopsia

Roma - La pornostar Federica Gori, in arte "Lollipop", è stata trovata morta dalla madre in casa martedì. Il corpo della ragazza era sul letto con le gambe incrociate come se stesse guardando la Tv, in stanza con lei solo i suoi cani.

L'autopsia L’autopsia sul corpo della Gori è stata effettuata questa mattina al Policlinico Gemelli di Roma ma i risultati dell’esame verranno comunicati alla madre tra 60 giorni. La pornostar potrebbe, infatti, essere morta per cause naturali. Secondo quanto ha raccontato il suo ex, la madre di Maria è andata a trovare la figlia martedì mattina, nella sua villetta all’Olgiata, dal momento che era dal sabato precedente che la donna non riusciva a mettersi in contatto con la figlia. All’interno dell’abitazione la mamma ha trovato la figlia senza vita ma con il viso sereno, di fronte alla Tv accesa e insieme ai suoi 4 cani.

In ottima salute Lollipop non beveva alcolici nè fumava da molto tempo ed aveva svolto, proprio la settimana precedente alla suo decesso, degli esami cardiologici di routine che non avevano evidenziato problemi. L'ex convivente della Gori, Luca Damiano, ha raccontato che Maria Federica aveva un pensiero ricorrente. "Pensava spesso a Marilyn Monroe e come lei pensava di morire giovane". E pensava spesso anche al padre che era morto, per problemi cardiaci, quando lei era ancora adolescente. Lollipop faceva parte di una famiglia di attori. Il padre e il nonno erano stati attori e doppiatori cinematografici.

La carriera Nell’ultimo periodo della sua vita la ragazza stava attraversando "un buon momento professionale". "Non solo perchèégirava degli spot per Conto Tv - continua il suo ex convivente - ma aveva anche partecipato con delle piccole parti agli ultimi film di Carlo Verdone e Paolo Virzì". Federica Gori era il nome d’arte scelto dalla giovane strip tease girl romana - il cui vero nome all’anagrafe è Maria Federica Besetti - cinque anni fa quando conobbe il regista Luca Damiano. Il cognome Gori fu scelto in omaggio alla fidanzata storica del regista, ossia all’attrice Patrizia Gori che nel 1975 fu la protagonista del primo film erotico di Damiano, "L’educanda". Lollipop non era più la compagna del regista, con cui ha vissuto insieme per quasi 4 anni in una villa alle porte di Roma. Maria Federica ha partecipato a pochissimi film erotici in carriera e ultimamente era uscita dal giro del porno.