Morti bianche, i big del sindacato disertano

L’assenza non è passata inosservata. I «big» del sindacato hanno snobbato l’inaugurazione della stele dedicata ai caduti sul lavoro, ieri al cimitero Maggiore. Cgil, Cisl e Uil hanno mandato rappresentanti, nell’ordine Lorenzo Bonzi, Michele La Torraca e Danilo Galvagni. Ma i segretari cittadini, che pure erano stati invitati dal sindaco, si sono tenuti alla larga. «Sarebbe stato maleducato non partecipare, e infatti abbiamo mandato dei rappresentanti del sindacato», precisa il segretario cittadino della Cgil, Onorio Rosati. Personalmente, si giustifica con un «ero fuori sede». Ma poi ammette: già quando le era stato chiesto se avrebbe partecipato alla cerimonia dell’Anpi, la Moratti aveva detto che quest’anno sarebbe stato un 2 novembre dedicato ai lavoratori. «Le avevamo fatto presente che non aveva un grosso nesso - spiega Rosati - avrebbe fatto bene a commemorare i caduti partigiani ora e inaugurare la stele in un’altra occasione, magari il primo maggio». In ogni caso l’iniziativa, precisa, «non è stata concordata con i sindacati. Siamo stati solo invitati. E per educazione c’eravamo».