Morto durante una gastroscopia: sei indagati

Ci sono sei indagati per la morte di Salvatore Messina, 68 anni l’uomo agrigentino, deceduto giovedì scorso all ospedale «Raimondi» di San Cataldo (Caltanissetta). Si tratta di quattro medici del reparto di medicina e due tecnici addetti all’utilizzo della apparecchiature per realizzare gastroscopie. L’inchiesta è condotta dal pm Roberta Colangelo che ieri ha disposto il sequestro della cartelle cliniche e delle attrezzature mediche con le quali è stata effettuata la gastroscopia. Messina, da qualche tempo, accusava dolori allo stomaco e il medico di famiglia gli aveva consigliato di effettuare una gastroscopia. L’uomo, che viveva a Castrofilippo (Agrigento), su consiglio del medico aveva deciso di effettuarla al «RaimondI» di San Cataldo e sabato si era fatto ricoverare per accertamenti. Giovedì mattina mentre i medici lo stavano sottoponendo alla gastroscopia Messina è deceduto. Pare che a causare il decesso sia stata una improvvisa emorragia interna.