Morto Gandini, il fondatore della rivista «Linus»

Si svolgono oggi pomeriggio alle 14.45, nella chiesa di San Marco a Milano, i funerali di Giovanni Gandini, editore, scrittore, disegnatore e soprattutto fondatore della rivista Linus, morto venerdì scorso nella città dov’era nato nel 1929.
A metà degli anni Sessanta, Gandini importò dall’America i celeberrimi «Peanuts», aprendo a schiere di ragazzi e meno ragazzi un mondo di slogan, battute e tormentoni, con i quali il brachetto Snoopy, Charlie Brown, la saccente Lucy e il timido Linus, abbarbicato alla sua copertina, esprimevano disagi e incertezze di una generazione. Il giornale era affiancato dalla casa editrice Milano Libri, nata dall’omonima libreria gestita dalla moglie di Gandini, Annamaria Gregorietti. È stata lei sabato scorso a dare la notizia della morte del marito.
Oltre ai fumetti di Schulz, Linus ha aperto la porta alla controcultura americana ma anche al surrealismo latino, da Fernando Arrabal a Roland Topor passando per Copi. Ma sulla «rivista dei fumetti e dell’illustrazione» (era questo il sottotitolo di Linus), comparivano anche la sinuosa Valentina di Guido Crepax, Pogo, Krazy Kat, Bc, Dick Tracy e Corto Maltese di Hugo Pratt. Il primo numero del 1965 conteneva anche interviste di Umberto Eco a Elio Vittorini e a Oreste Del Buono. Giovanni Gandini diresse Linus fino al 1972, anno in cui cedette il posto di comando proprio a Del Buono.
I fumetti americani erano tradotti magistralmente, lavorando di cesello sui nonsense di Pogo e sulle battute dei Peanuts e del Mago di Id, sovrapponendo al linguaggio originale il linguaggio giovanile italiano.
Non soltanto editore, Giovanni Gandini coltivava una vivace passione narrativa, con un gusto innato dell’ironia e della dissacrazione. Testimoni di questa sua vena narrativa sono i suoi libri, dalla raccolta di racconti L’orso buco a Piccoli gialli, a quella di elzeviri come L’ultimo pensiero fondente. Una vena ludica, appena velata di malinconia che si rivlea anche in Caffè Milano, edito da Scheiwiller nel 1987. Oltre a Linus, Gandini è stato anche editore de Il Giornalone e Uffa.