Morto il leader dei Knack, quelli che conquistarono il mondo con «My Sharona»

Il power pop in stile vintage dell'album «Get the Knack» venne paragonato alle prime opere dei Beatles e mise d'accordo critica e pubblico

È morto ieri all'età di 57 anni Doug Fieger, il leader della pop band statunitese The Knack, che nel 1979 divenne famosa con «My Sharona», uno dei più grandi successi dell'epoca che venne utilizzato in Italia come sigla del programma di culto «Sette storie per non dormire». L'annuncio della scomparsa è stato dato dal manager dei Knack, Jake Hooker, precisando che da tempo il cantante, paroliere e chitarrista combatteva contro il tumore. Nel 2005 gli era stato diagnosticato un carcinoma al polmone e nel 2006 il cancro si era esteso al cervello e poi era stato operato tre volte. Fieger è deceduto nella sua casa di Woodland Hills, un sobborgo di Los Angeles, in California.
La power pop band The Knack di Los Angeles debuttò con il fortunato disco «Get The Knack» che riuscì a vendere 6 milioni di copie. Il quartetto era composto, oltre che da Fieger, da Berton Averre (chitarra), Prescott Niles (basso) e Bruce Gary alla batteria. Gary è morto per un tumore nel 2006.
Il power pop di «My Sharona» e il suo riff accattivante, assieme all'aspetto vintage, stile new wave della band, si guadagnò i paragoni con le prime canzoni dei Beatles. Conquistò sia i critici, che per (partito preso) osteggiavano la disco music, che il pubblico aperto agli altri generi come il punk-rock, l'hip hop e l'heavy metal. «My Sharona» è stata coverizzata e citata molte volte nel corso degli anni, anche nei film come «Giovani, carini e disoccupati». La band si sciolse una prima volta nel 1982, per riformarsi sporadicamente negli anni seguenti. É in uscita la ristampa rimasterizzata di «Get The Knack» dalla Rhino.