Morto l'ex arcivescovo Giordano Guidò diocesi di Napoli per 19 anni

Ottanta anni, guidò la diocesi
dal 1987 al 2006. Colto da un
improvviso malore la scorsa settimana, era ricoverato
all’ospedale Monaldi del capoluogo campano

Napoli - E' morto l’ex arcivescovo di Napoli, Michele Giordano. Ottanta anni, Giordano ha guidato la diocesi di Napoli dal 1987 al 2006, quando si è dimesso per raggiunti limiti di età. Nato a Sant’Arcangelo, in provincia di Potenza, Giordano era stato ordinato sacerdote nel 1953. Parroco a Scanzano, successivamente è stato vicario generale della diocesi di Tursi-Lagonegro, quindi vescovo di Matera, nonchè amministratore delle diocesi di Gravina e Irsina, prima di essere trasferito a Napoli, da papa Giovani Paolo II, che lo creò cardinale nel 1988.

Colto da un malore Il cardinale Giordano, colto da un improvviso malore la scorsa settimana, era ricoverato all’ospedale Monaldi di Napoli. Le sue condizioni erano migliorate ma nella tarda serata di ieri sono sopraggiunte complicazioni respiratorie e cardiache. La salma è stata trasferita nella cappella dell’ospedale Monaldi. Il cardinale Giordano, giunto a Napoli nel 1987, aveva raccolto l’eredità dell’arcivescovo Corrado Ursi che aveva lavorato per attuare le linee pastorali dettate dal Concilio Vaticano II. I 24 vescovi della Campania l’anno successivo lo elessero loro presidente. Giordano, in 19 anni di governo pastorale della diocesi di Napoli, la terza di Italia per numero di fedeli, ha più volte voluto visitare le parrocchie, così come aveva annunciato nella lettera pastorale Sicut flumen pax tua, pubblicata in occasione della quaresima del 1988.

La vocazione sacerdotale Suoi principali collaboratori sono stati prima i vescovi ausiliari Scanzillo e Vallini, attuale vicario di papa Benedetto XVI per la diocesi di Roma, successivamente gli ausiliari Filippo Iannone e Vincenzo Pelvi, attuale ordinario militare per l’Italia, il compianto monsignor Luigi Pignatiello e don Salvatore Ardesini, che chiamato da Giordano appena arrivato a Napoli non ha mai più lasciato l’ufficio di segretario particolare. Nel 1990 invitò a Napoli papa Giovanni Paolo II, che volle visitare la diocesi, non tralasciando alcuni quartieri a rischio, come quelli di Scampia. Negli anni del suo governo pastorale della diocesi partenopea, particolare attenzione è stata riservata agli ultimi, agli ammalati e ai carcerati. Dimessosi nel 2005 per raggiunti limiti di età (così come previsto da codice di diritto canonico), ha lasciato la guida della diocesi di Napoli nel 2006, quando papa Benedetto XVI ha inviato a Napoli il cardinale Crescenzio Sepe, già prefetto di Propaganda Fide. Coinvolto in due inchieste giudiziarie avviate nel 1988 (la prima su un presunto giro di usura in Val d’Agri e la seconda su alcuni abusi edilizi in proprietà della diocesi di Napoli), Giordano è stato successivamente assolto con formula piena da ogni accusa.

Il cordoglio di Benedetto XVI Il Papa ha espresso il proprio cordoglio per la morte del cardinale. Nel messaggio Benedetto XVI ricorda "con gratitudine al Signore l’intensa opera pastorale profusa" dal defunto arcivescovo, prima a Lagonegro, poi a Matera e infine a Napoli. Il Pontefice invia inoltre parole di conforto e la benedizione apostolica "a quanti ne piangono la scomparsa". Il testo papale è diffuso dalla sala stampa vaticana.