Morto Nayef al-Saud l’erede al trono nemico delle riforme

Il principe saudita Nayef bin Abdulaziz al-Saud, ministro dell’Interno e considerato un conservatore d’acciaio, è morto all’età di 78 anni in Svizzera, appena otto mesi dopo essere stato nominato erede al trono dopo la morte del fratello, il principe Sultan.
Il regno wahabita, potenza regionale e petrolifera, ha proclamato tre giorni di lutto al termine dei quali sarà dato l’annuncio del suo successore. Ma, al contrario di altre monarchie, in Arabia Saudita la morte del principe ereditario designato non farà scattare nessuna lotta di potere. La linea di successione nel regno non si muove da padre in figlio, ma si tramanda tra i 40 figli di Abdulaziz ibn Saud, che fondò il regno nel 1935. La scelta del re Abdullah e del «Consiglio di Fedelta» cadrà molto probabilmente sul principe Salman, ministro della Difesa di 76 anni.
Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Dom, 17/06/2012 - 08:41

Morto un papa se ne fa un altro.Anche questo regno lo dobbiamo alla politica becera inglese.