È morto Scarsi grande astrofisico

Lo scienziato Livio Scarsi, uno dei più celebri astronomi e astrofisici italiani dell’ultimo mezzo secolo, è morto nel suo paese natale, Rocca Grimalda (Alessandria) a 78 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato dall’Accademia dei Lincei, ricordando come Scarsi sia stato «un grande maestro di scienza e di vita». Docente di Fisica generale all’università di Palermo, Scarsi aveva vinto il premio Bruno Rossi dell’American Astronomical Society ed è stato promotore di imprese spaziali ed internazionali, oltre che fondatore dell’Istituto di Fisica Cosmica di Palermo. Faceva parte dell’Istituto Nazionale di Astrofisica. Livio Scarsi ha legato la sua fama internazionale anche alla ideazione del satellite di astronomia Bepposax, un progetto dell’Agenzia Spaziale Italiana lanciato per la prima volta nel 1996. Lo studioso ha iniziato la sua attività scientifica con lo studio delle particelle elementari con emulsioni nucleari all’università di Genova e successivamente a Milano, dapprima nell’ambito delle iniziative sperimentali e come uno dei protagonisti maggiori delle grandi collaborazioni internazionali.