Morto Tom Wicker il giornalista che raccontò la morte di Kennedy

Si trovava nel convoglio di auto del presidente<BR> quando avvenne l'omicidio. È sempre stato considerato tra i testimoni più attendibili degli eventi

È morto il più importante tra i testimoni ancora viventi dell'omicidio del presidente Kennedy. Tom Wicker, giornalista che ha ottenuto la propria fama seguendo per il New York Times tutte le vicende di John Fitzgerald Kennedy, è morto all'età di 85 anni nella sua casa di Rochester, in Vermont. L'annuncio è stato dato dalla moglie Pamela, la quale ha spiegato che il marito, che fu anche capo della sede di Washington del quotidiano, era da tempo malato e che è morto nella mattinata di ieri per un presunto attacco di cuore. Nato il 18 giugno 1926, Wicker crebbe in povertà a Hamlet, Nord Carolina, con l'aspirazione di diventare romanziere. Passò poi al giornalismo, dato il poco successo dei suoi libri. Dopo avere lavorato per alcuni giornali del North Carolina, ottenne il posto al Times. Si trovava nel convoglio di auto del presidente Kennedy a Dallas quando avvenne l'omicidio. La sua descrizione degli eventi è sempre stata considerata tra le più attendibili.